“Facebook chiude”, clamorosa rivelazione di Mark Zuckerberg

Mark Zuckerberg
(Archivio)

“Facebook chiude”, clamorosa rivelazione di Mark Zuckerberg. 

Mark Zuckerberg in una conferenza stampa telefonica rivela di aver pensato seriamente di chiudere Facebook, un evento che avrebbe davvero dell’incredibile e che getterebbe scompiglio in centinaia di milioni di persone. Ecco le parole dell’ideatore e fondatore del social network più importante alla domanda se avesse mai pensato di chiudere Facebook: “Sì. Ci abbiamo pensato in diverse occasioni, nel 2010 e poi qualche mese fa, per difendere la privacy delle persone coinvolte nella fuga di dati”. 

Zuckerberg poi aggiunge in merito alle influenze russe via social network sulle elezioni di Trump: “Ci sono molte cose che farei diversamente oggi. Il nostro grande errore è stato non capire che si trattava di una campagna coordinata, avremmo dovuto reagire meglio e abbiamo impiegato due anni per costruire un sistema capace di riconoscere interferenze simili. Ma anche gli altri affineranno le loro tattiche, dobbiamo essere concentrati sul nostro lavoro e giocare d’anticipo. L’articolo afferma che sapevamo dell’attività russa già nella primavera del 2016, ma siamo stati lenti a indagare su di essa ad ogni livello. Questo non è vero. Come Cda abbiamo spinto in effetti Mark e Sheryl ad agire più velocemente, ma asserire che fossero al corrente della attività russe e che avessero cercato di ignorare le indagini o insabbiarle è gravemente ingiusto. Suggerire che non eravamo interessati alla verità, che volevamo nascondere cosa sapevamo o che volevamo impedire lo svolgimento delle indagini è semplicemente falso”.

Infine Zuckerberg spiega dei nuovi strumenti in mano a Facebook per controllare e monitorare meglio contenuti inadatti: “Il miglioramento più importante nell’applicazione delle nostre politiche è l’uso dell’intelligenza artificiale per segnalare in modo proattivo i contenuti potenzialmente problematici al nostro team di revisori e, in alcuni casi, anche per intervenire automaticamente sui contenuti. Questo approccio ci aiuta a identificare e rimuovere una percentuale molto maggiore di contenuti dannosi, e spesso possiamo rimuoverli più velocemente, prima che qualcuno li veda, anziché aspettare che vengano segnalati”.