CONDIVIDI

Gli Stickers sono arrivati anche Su WhatsAppWhatsApp continua ad aggiornarsi per implementare funzionalità e migliorare l’esperienza dei suoi utenti, ecco tutte le novità tra cui i tanto attesi stickers.

App leader nel settore della messaggistica istantanea, WhatsApp ha il compito di aggiornarsi continuamente per non perdere il ruolo dominante in questo ambito. L’implementazione di nuove funzionalità è necessaria, sopratutto visto che alcune app concorrenti (Telegram ad esempio) stanno guadagnando terreno e minacciano il suo predomino. Tra le varie feature richieste dagli utenti nei mesi scorsi, una di quelle più gettonate è sicuramente la presenza degli stickers: si tratta di adesivi raffiguranti personaggi famosi che simulano le emozioni allo stesso modo delle emoticon. I programmatori di WhatsApp ci hanno messo del tempo per poter implementare al meglio la funzione, ma adesso, con l’ultimo aggiornamento l’hanno inserita.

Leggi anche -> WhatsApp i 7 trucchi segreti che non ti aspetti – VIDEO

Leggi anche -> Telegram batte WhatsApp, una funzione sta spingendo gli utenti verso l’App con il logo azzurro

WhatsApp, nuovo aggiornamento: ecco tutte le novità

L’ultimo aggiornamento di WhatsApp ha portato in dote diverse novità, la più importante delle quali è sicuramente la possibilità di inviare stickers nelle chat. Adesso, infatti, accanto all’icona delle emoticon ed a quella delle gif ne troverete una apposita per implementare gli stickers (esattamente come funziona già da tempo su Telegram). Una volta aperta l’apposita sezione vi basterà cliccare su uno degli stickers per decidere se scaricarne un pacchetto di vostro gusto.

Oltre ai nuovi strumenti di comunicazione delle emozioni è stato anche aggiunto un sistema di ricerca delle Gif semplificato: adesso le si potrà cercare direttamente all’interno della chat, basta cliccare sull’icona “stickers”, quindi su quella “gif” per trovarsi di fronte all’elenco di quelle disponibili. Infine c’è una novità sui messaggi vocali, quelli consecutivi verranno riprodotti in sequenza così da evitarti di premere riproduci per ogni nota vocale.

Leggi le nostre notizie anche su Google News