Operaio muore a 18 anni, il ricordo della prof: “Ti ho visto diventare uomo”

Operaio muore a 18 anni nel comascoAppresa la notizia della morte di un ex alunno di appena 18 anni, diventato da poco operaio nel comasco, la professoressa lo ricorda con un commovente post sul proprio profilo.

Andrea Masi è morto a soli 18 anni mentre lavorava come operaio in un parcheggio nel comasco per istallare la fibra ottica. Il suo decesso è stato causato da un incidente sul lavoro la notte tra il 31 ottobre e l’1 novembre, e la notizia di questa tragedia ha colpito non solo i familiari ma tutta la comunità di Tradate (paesino del varesino nel quale era cresciuto) compresi gli insegnanti che fino a pochi mesi prima lo avevano avuto in classe.

Proprio uno dei docenti ha voluto ricordare il ragazzo con un commovente post sul proprio profilo Facebook in cui racconta ai suoi contatti ed al resto d’Italia chi era quel ragazzo: “Andrea che era entrato in classe bambino e che ne era uscito uomo con le spalle disegnate e il sorriso luminoso, Andrea che aiutava tutti”, comincia in questo modo il ricordo dell’insegnante Donatella D’Alelio, la quale nello stesso post spiega di aver provato a convincerlo a non lasciare la scuola, ma che si è dovuta arrendere davanti alla sua determinazione nel voler lavorare: “Andrea che io volevo continuasse a studiare e lui no prof, io voglio lavorare, Andrea che quel lavoro l’aveva trovato, Andrea che quel lavoro ce l’ha portato via. Andrea, Andrea Masi, il mio alunno che ce l’aveva fatta”.

Leggi anche -> Incidente mortale sul lavoro a Reggio Emilia: esplode un silos e muore un operaio

Leggi anche -> Pordenone, operaio muore nel cementificio: era il suo primo giorno di lavoro

Operaio muore a 18 anni: la procura indaga per omicidio colposo

Secondo la versione fornita dagli altri operai, Andrea quella notte si trovava sopra il parapetto di un’elevatrice e si stava occupando di sistemare il collegamento della fibra attraverso il quadro elettrico fissato sul soffitto; un altro ragazzo stava guidando il mezzo e, non essendosi accorto che il collega era di spalle, è andato avanti facendogli sbattere la nuca contro un architrave. La procura di Milano sta indagando sull’accaduto per cercare di capire se ci sono gli estremi per omicidio colposo per negligenze dell’azienda sulla sicurezza sul lavoro. L’indagine sarà anche tesa a scoprire se ci fossero altre società coinvolte nell’appalto.

Leggi le nostre notizie anche su Google News

Fabio Scapellato