CONDIVIDI
(Websource / archivio)

La Procura di Firenze ha aperto unʼinchiesta su un vergognoso video a luci rosse che circola su Whatsapp. 

Una bambina protagonista di un rapporto sessuale completo con due ragazzini più grandi, mentre qualcuno riprende il tutto con un telefonino. E’ il contenuto di uno scioccante video della durata di circa 10 secondi che, dopo aver fatto il giro degli smartphone in alcune scuole medie ma anche elementari della provincia fiorentina, ha attirato l’attenzione della Procura di Firenze. Proprio a partire dai destinatari del filmato si cercherà di risalire al primo della serie, per poi tentare di individuare l’autore delle riprese. Le autorità intanto invitano i genitori a controllare i telefoni dei figli.

A denunciare la vicenda – l’ultima di una purtroppo lunghissima serie che vede i minori vittime di abusi sessuali –  è stata una dirigente scolastica – come riferisce il Corriere Fiorentino – che si è recata direttamente dai Carabinieri. Dopo di che la Procura presso il Tribunale dei Minori di Firenze ha aperto un fascicolo per il momento contro ignoti. I piccoli protagonisti del video, con viso riconoscibile, non sarebbero del posto, e la bambina, dall’apparente età di 10 anni, sembra inconsapevole della gravità del gesto che sta compiendo. Nel filmato, girato in un giardino (si intravede anche il mare) verosimilmente con un cellulare, la si vede ridere, come stesse giocando o non si rendesse conto di quanto sta accadendo.

Le voci che si percepiscono nel video tradiscono un accento romano, ma non è detto che lo stesso sia stato girato a Roma. Sarebbe stata la mamma di un’alunna, dopo aver visto quelle orrende immagini sul telefonino della piccola a segnalare il caso alla dirigente scolastica che si è subito attivata per fare la denuncia. Come accennato, il filmato è stato già acquisito dal magistrato e gli investigatori sono al lavoro. “Invitiamo i genitori a controllare i telefoni dei figli – è la raccomandazione della Procura per i minori – a cancellare quel video e a segnalare alle forze dell’ordine da chi è arrivato”.

EDS

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News