CONDIVIDI

arrestate quattro maestre d'asiloQuattro maestre d’asilo sono finite ai domiciliari dopo che i carabinieri hanno appurato i maltrattamenti e le minacce che queste rivolgevano ai propri alunni.

Un luogo di aggregazione, insegnamento e crescita era diventato per i bambini della scuola materna ‘Montessori‘ a Capurso (Bari), un vero e proprio incubo. Le maestre d’asilo, infatti, utilizzavano con i piccoli alunni metodi di educazione e punizione violenti e quando le percosse, gli strattoni e le punizioni umilianti non erano sufficienti, le donne passavano alle minacce.

In seguito ad un lungo periodo di indagine, i Carabinieri di Capurso sono riusciti ad ottenere le prove (tramite delle telecamere nascoste) degli abusi che le quattro insegnanti hanno perpetrato nei confronti degli alunni per tutta la stagione scolastica 2017/2018 quindi hanno ottenuto dal giudice un’ordinanza di custodia cautelare per le quattro donne – una donna di Lecce di 52 anni e tre donne di Bari di 63,49,47 anni – che adesso si trovano ai domiciliari.

Leggi anche -> L’asilo è un inferno: calci, pugni e bestemmie contro i bimbi, violenze inaudite

L’asilo diventa un inferno: schiaffi, strattoni, umiliazioni e minacce per i piccoli

Dalle indagini dei carabinieri è emerso che le  donne tenevano un atteggiamento praticamente uguale sia che si trovassero da sole con i bambini sia che fossero in gruppo. Gli atteggiamenti esuberanti erano puniti con strattoni violenti, schiaffi sulle braccia ed in viso. Quando i bambini si mostravano recidivi, le maestre procedevano con le umiliazioni: i bambini erano costretti a tenere la testa poggiata sul banco per ore in segno di sottomissione e quando non obbedivano, venivano forzati da loro a tenere quella posizione. Alle volte i piccoli venivano costretti all’angolo con il viso rivolto al muro e le braccia giunte dietro la schiena per ore intere. A queste vessazioni si univano gli insulti “Cattivi, rimbambini, pappemolli” e le minacce: “Se non la smettete vi facciamo mordere dai cani”.

Leggi le nostre notizie anche su Google News