CONDIVIDI

Cristiano RonaldoLe nuove immagini di Cristiano Ronaldo a Las Vegas lo ritraggono in piscina il giorno successivo alla presunta violenza sessuale ai danni della modella americana Kathryn Mayorga.

In attesa che il giudice delle indagini preliminari si pronunci sulle accuse mosse da Kathryn Mayorga ai danni di Cristiano Ronaldo e che quindi venga deciso se sia il caso o meno di andare a processo. Il settimanale di gossip ‘Oggi‘ ha pubblicato degli scatti risalenti al 2009 che ritraggono l’asso lusitano della Juventus a bordo piscina dell’hotel in cui si sarebbe consumata la violenza sessuale. Le immagini in questione non provano assolutamente nulla, ma mostrano il campione portoghese non al massimo della forma: Ronaldo sembra stranamente assente e nervoso e nel corso della mattinata richiede un massaggio allo stomaca per rilassare gli addominali. Se si andasse a processo le foto servirebbero come prova per interrogare le persone presenti nella piscina e chiedere loro informazioni sui comportamenti del calciatore quella mattina.

Leggi anche -> Juventus: Cristiano Ronaldo sfoggia un orologio da due milioni di euro

Leggi anche -> “Cristiano Ronaldo vittima di un complotto di Florentino Perez”

Cristiano Ronaldo comincia a preoccuparsi per le accuse della Mayorga?

All’indomani della denuncia pubblica della modella americana, Cristiano Ronaldo ha ostentato sicurezza, sostenendo pubblicamente che si trattava di fake news, del tentativo di una donna di rendersi famosa attraverso una causa ai suoi danni. Con il passare del tempo, però, qualche incertezza comincia a trapelare. Innanzitutto ha cambiato avvocato, decidendo di non affidare la causa allo stesso legale che si sarebbe occupato degli accordi di riservatezza fatti firmare alla modella nel 2009. In questi giorni, inoltre, avrebbe stanziato 860 mila euro in detective, periti forensi, medici legali e avvocati per trovare falle nelle accuse e nelle presunte prove di stupro. Intanto le prime mosse del nuovo avvocato si sono rivelate dei buchi dell’acqua: prima ha accusato il quotidiano Dier Spiegel di aver manipolato le prove, ottenendo solo la secca smentita del giornale, quindi ha accusato il Real Madrid di aver costretto il proprio assistito a firmare l’accordo di riservatezza, incassando la denuncia del club spagnolo.

Leggi le nostre notizie anche su Google News