Home News Lele Spedicato: il chitarrista dimesso dall’ospedale un mese dopo

Lele Spedicato: il chitarrista dimesso dall’ospedale un mese dopo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:03
CONDIVIDI
Lele Spedicato dimesso
Lele Spedicato dei Negramaro (Facebook)

Buone notizie per Lele Spedicato: il chitarrista dei Negramaro è stato dimesso dall’ospedale un mese dopo il grave malore che lo ha colpito.

Continuano ad arrivare buone notizie sulle condizioni di salute di Lele Spedicato, il chitarrista dei Negramaro, che il 17 settembre mattina ha accusato un grave malore, sta meglio da qualche giorno. I medici hanno sciolto la prognosi e oggi è arrivata un’altra buona notizia: Lele Spedicato è stato dimesso stamattina dall’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce ed è stato trasferito in un centro specializzato. Qui avvierà la riabilitazione.

Per saperne di più –> Lele Spedicato, una buona notizia: l’annuncio dei Negramaro

Lele Spedicato dimesso dall’ospedale: i Negramaro rinviano il tour

Un mese fa, il musicista ha accusato un malore nel giardino di casa sua. Grande è stata la preoccupazione, da parte di parenti, amici e dei fans della band salentina. Poi era arrivato l’annuncio che tutti attendevano con ansia. Oggi i Negramaro hanno annunciato di aver voluto rinviare il tour: “Abbiamo pensato tanto. Abbiamo deciso di spostare il tour di qualche mese, questo per dare a Lele il tempo di rimettersi in forma e tornare di nuovo a vivere con tutti voi la forza dei nostri live”.

Prosegue la band salentina: “Sarà per lui uno stimolo fondamentale in questi mesi di preparazione e avrà bisogno del sostegno di tutti per tornare a godersi il frutto di un grande lavoro iniziato, l’estate scorsa, con uno strepitoso tour negli stadi. Siamo certi che il vostro affetto non diminuirà nei confronti di questa storia che non vediamo l’ora di ritornare a vivere insieme da febbraio prossimo. Grazie a tutti!”.

Leggi anche –> Lele Spedicato: la moglie Clio e la meravigliosa dichiarazione d’amore

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News