CONDIVIDI
braccio di ferro
(screenshot video)

Vuole diventare come Braccio di ferro e usa sostanze chimiche che si inietta: un giovane rischia che gli vengano amputate le braccia.

Kirill Tereshin ha fatto notizia per aver messo le sostanze chimiche nel suo braccio in un disperato tentativo di aumentare le loro dimensioni. Nonostante i medici avvertano del pericolo, il ventunenne ha effettuato la pratica pericolosa per la vita l’estate scorsa. Ma non gli è bastato.

I rischi a cui va incontro Braccio di ferro

Secondo quanto riferito, la sua ultima procedura è stata eseguita da chirurghi cosmetici che hanno inserito protesi al silicone nei polpacci. Condividendo una foto delle sue “nuove” gambe sui social media, il russo, della città di Pyatigorsk, ha scritto: “Farò apparire i miei polpacci come le mie braccia. La mia arma nucleare sarà la più potente e grande”. Ma il body builder non si rende conto dei rischi a cui andava incontro: il novello Braccio di Ferro infatti ha rischiato e rischia una grave infezione, che potrebbe farlo rimanere senza braccia.

Il giovane ex soldato inietta regolarmente Synthol, una sostanza che aumenta il volume dei muscoli ma molto pericolosa per la salute. Questa infatti può causare ictus, danni muscolari, infezioni, ascessi. “Sono orgoglioso dei risultati. Voglio andare avanti per assomigliare sempre di più a Braccio di Ferro”, si vantava il ragazzo sul web e in alcune interviste, ma le cose rischiano ogni giorno di mettersi molto male per lui, nonostante non desista dal voler ottenere questo tipo di risultati. Recentemente peraltro, come dimostrano alcune immagini finite in Rete, ha dovuto eliminare il Synthol e le braccia risultano scheletriche, oltre che curate con diversi punti di sutura.

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News