CONDIVIDI
(Websource/Archivio)

Venezia, giovane rifiutata al colloquio per cameriera: “Sei nera, fai schifo ai clienti”. Judith Romanello, vent’anni, veneziana originaria di Haiti, è stata rifiutata ad un colloquio di lavoro per il colore della sua pelle. La giovane pubblica un video su Facebook nel quale racconta la sua vicenda. Su quanto avvenuto interviene su Twitter anche Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia.

Rifiutata ad un colloquio di lavoro per il colore della sua pelle, la vicenda di Judith Romanello raccontata in un video su Facebook

E’ stata respinta ad un colloquio di lavoro. Inadatta a ricoprire il ruolo per il quale si candidava. E la sua colpa purtroppo era il proprio colore della sua pelle. E’ stata la stessa ragazza protagonista della spiacevole vicenda a denunciare quanto accaduto su Facebook in un video. E’ stato direttamente il gestore del locale per il quale si candidava a lavorare come cameriera che ha addotto tale motivazione. Judith Romanello, vent’anni, ha infatti raccontato così quanto successo:“Mi ha detto ‘Scusa, non è cattiveria, ma non voglio persone di colore nel mio ristorante perché potrebbe fare schifo ai miei clienti e non va tanto neanche a me’”. E ha proseguito nel suo racconto la ragazza: “Ho letto un annuncio su Subito.it e ho contattato questo ristoratore per chiedergli se potevamo vederci. Lui ha acconsentito e ci siamo dati appuntamento. Quando sono arrivata mi ha guardata e mi ha detto ‘non voglio persone di colore perché ai miei clienti potrebbe far schifo che tu tocchi i loro piatti e non va tanto neanche a me’. Poi se n’è andato. Io sono rimasta basita”. Il colloquio di lavoro si è tenuto in zona del ponte delle Guglie. Judith Romanello vive in Italia con i propri genitori fin da quando era piccolissima. “Io sono italiana e so che non tutti gli italiani sono così. Mi chiedo: nel 2018 c’è ancora questa lotta tra neri e bianchi? È una cosa che fa schifo. Io non voglio fare la vittima con questo video ma solo far riflettere, stiamo tornando indietro”, ha ribadito ancora nel video pubblicato in rete.

Sulla vicenda interviene il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro

Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia, è intervenuto sulla vicenda, scrivendo su Twitter“Ho appreso adesso questa sconcertante vicenda! Comportamento assurdo, discriminatorio e soprattutto stupido! Cara Judith ti chiedo ufficialmente scusa a nome della Città per questo episodio vergognoso! Farò di tutto per tentare di rintracciare questo cretino patentato”.
BC

Leggi tutte le notizie su Google News