CONDIVIDI
Roberta Bonanno
(Websource)

Roberta Bonanno, seconda classificata alla settima edizione di ‘Amici’ e concorrente di ‘Tale e quale show’ ricorda la sconfitta contro Marco Carta in finale e come il collega la prendesse in giro per aver vinto.

Roberta Bonanno è una delle tantissime artiste uscite dal talent show di Maria De Filippi ‘Amici’, una cantante con una voce splendida che in questi anni si è fatta apprezzare anche da chi quel programma non lo ha mai guardato. Quando ha partecipato ad amici era poco più che una ragazzina (aveva appena 22 anni) ed il suo talento è emerso insieme a quello di Marco Carta (primo vincitore di ‘Amici‘ ad avere un successo discografico). Proprio il dualismo con quest’ultimo è quello che ha caratterizzato tutta l’edizione fino allo scontro finale, quello che l’ha vista relegata al secondo posto e che ha visto l’ascesa in radio del suo rivale.

Leggi anche -> Tale e quale show, Antonio Mezzancella fa commuovere tutti

Leggi anche -> Tale e Quale Show, quarta puntata: concorrenti, giuria, come vederlo

Roberta Bonanno: “Marco Carta? Ho sofferto a causa sua”

Anni dopo quella cocente sconfitta, Roberta guarda tutto con maggiore distacco e si gode i complimenti per le imitazione al ‘Tale e quale show‘ (apprezzatissima la sua imitazione di Aretha Franklin), ma confessa a ‘Vanity Fair’ di aver sofferto a lungo dopo aver perso la finale contro Marco Carta: “Quando partecipi a un programma così importante e arrivi seconda all’inizio rimani con l’amaro in bocca, è normale. La mia maturità in questi anni è stata accettare che ognuno ha un percorso diverso. Non aver vinto può fare male ma, in certi casi, ti può anche salvare”.

La rivalità tra i due era tale che Carta era solito provocarla, lo fece anche in quel momento di dolore dovuto alla fresca sconfitta poggiandole addosso il disco di platino appena vinto: “Quelle provocazioni all’epoca mi facevano male ma, in questi anni, ho capito cosa significa stare al mondo: un giorno vinci e un giorno perdi. È capitato a me così come è capitato ai miei colleghi compreso Marco, di cui apprezzo la compagnia più adesso che allora”.

Leggi le nostre notizie anche su Google News