CONDIVIDI
maltempo calabria
(foto Vigili del fuoco)

Gravissimi i danni del maltempo in Calabria: strade allagate e servizi fuori uso, crolla un ponte, molti salvati dal gommone, ci sono vittime.

Sono gravissime le conseguenze dell’ondata terribile di maltempo che ha travolto il sud e in particolare la Calabria. Purtroppo è finita nel peggiore dei modi la vicenda di Stefania Salerno, la mamma dispersa insieme ai suoi due figli piccoli: al momento il bilancio parla di due vittime, la donna e il figlio maggiore, e un disperso, un bimbo di due anni, ma col passare delle ore la speranza di ritrovarlo vivo è ridotta al lumicino.

Per approfondire, leggi anche –> Maltempo in Calabria, Stefania trovata morta insieme al suo bimbo

Maltempo Calabria: la situazione nella Regione dopo il nubifragio

Il marito della donna e i vigili del fuoco avevano diramato questo drammatico appello: “Non si hanno notizie da circa 20 ore di Stefania Signore Stefania Signore, morta nel nubifragio Stefania Signore, morta nel nubifragio (moglie di Angelo Frijia) e i suoi due figli di 7 e 2 anni. Il telefono risulta spento o irraggiungibile da 20 ore, la macchina è stata trovata con le 4 frecce accese nei pressi di San Pietro Lamentino. Se qualcuno avesse notizie mi contatti in privato o lasci un messaggio qui nei commenti”.

La situazione è drammatica in tutta la Calabria: famiglie evacuate, persone salvate grazie a un gommone dalla furia dell’acqua e disagi per chi viaggia in auto, treni e aerei. Il presidente della Regione, Mario Oliverio, ha fatto sapere: “Nelle prossime ore avanzeremo la richiesta per lo stato di emergenza”. La Protezione Civile ha messo in luce il carattere speciale del nubifragio, rilevando come solo sulla provincia di Catanzaro, sono caduti 300 millilitri d’acqua e 370 nell’arco delle 24 ore. In queste ore, i Vigili del Fuoco hanno ricevuto centinaia di telefonate e oltre duecento uomini sono stati allertati. La situazione resterà d’emergenza per le prossime 24-48 ore.

I danni del maltempo in Calabria

Sulla Statale 18 a Palmi un albero è caduto su un’auto, ferendo una persona, mentre in tutto sono sedici le persone salvate solo nella notte grazie all’uso di gommoni. Il torrente Scorsone, invece, è esondato in più punti a San Vito sullo Jonio (Catanzaro), travolgendo alberi, strade, muri e palificazioni delle linee elettriche. Allerta in Sila per il pericolo frane, mentre in molti comuni della Regione le scuole oggi sono rimaste chiuse. Vicino Lamezia Terme, l’area più colpita, infine, è franato il ponte delle Grazie, sulla strada provinciale 19, nel comune di Curinga. Disagi anche in altre zone del Sud Italia, in particolare a Bari e Catania.

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News