CONDIVIDI
Noemi Durini
(Facebook)

Omicidio Noemi Durini: la sentenza di condanna per il fidanzato Lucio Marzo, dovrà scontare 18 anni e otto mesi di carcere.

Il Tribunale dei Minori di Lecce ha emesso la sentenza di condanna nel processo con rito abbreviato nei confronti di Lucio Marzo, il 18enne di Montesano Salentino, reo confesso dell’omicidio della fidanzata Noemi Durini, avvenuto il 3 settembre dello scorso anno nelle campagne di Castrignano del Capo, nel basso Salento. Il ragazzo dovrà scontare 18 anni e otto mesi di carcere. Rigettata la richiesta dei legali del giovane per una nuova perizia psichiatrica.

Potrebbe anche interessarti –> Noemi Durini, si apre il processo: “Condannate Lucio a 18 anni”

Le richieste del pm e le accuse della famiglia di Noemi Durini

Il processo si è aperto martedì con la requisitoria del pm Anna Carbonara, che ha chiesto – nell’ambito del processo con rito abbreviato che si sta tenendo davanti ai giudici del Tribunale dei Minorenni di Lecce – la condanna a 18 anni di carcere per Lucio Marzo. Unico presente in Aula tra i familiari era Umberto, il padre di Noemi Durini, che per la prima volta ha potuto rivedere Lucio dopo l’omicidio della figlia.

L’omicidio scosse l’opinione pubblica a livello nazionale, in particolare per l’efferatezza e gli eventi che maturarono in seguito, coinvolgendo le famiglie dei due ragazzi. Peraltro i genitori di Noemi Durini in più occasioni hanno chiesto al ragazzo di dire la verità, al fine di svelare i nomi di eventuali complici.

Leggi anche –> Noemi Durini, l’appello della mamma a Lucio: “Racconta tutto”

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News