CONDIVIDI
Giorgio Manetti
(Screenshot)

Non c’è pace per l’ex tronista di Uomini e Donne Giorgio Manetti. Ora l’attacco arriva da Alessandro Cecchi Paone. 

Il giornalista, ex divulgatore scientifico, ora curatore di una rubrica sul settimanale Nuovo Tv diretto da Riccardo Signoretti, ha attaccato l’ex tronista del trono over di Uomini e Donne Giorgio Manetti ch di recente ha abbandonato il programma ideato e condotto da Maria De Filippi. Un abbandono che secondo Cecchi Paone non è stato molto signorile e corretto. Ecco le sue parole: “Tutti liberi di lasciare il programma quando si crede. Ma se si tratta della trasmissione che ti ha regalato fama e benessere non è ammissibile che si esca battendo la porta. Se è vero che la gratitudine, purtroppo, non è di questo mondo, che almeno venga sostituita dallo stile, che non prevede vittimismo”. 

Le parole di Giorgio Manetti

Il riferimento è alle polemiche che si sono scatenate proprio intorno alla vicenda di Giorgio Manetti. Di recente l’ex tronista aveva dichiarato: “In trasmissione invece si era creato un clima per me incomprensibile e di malafede. Uno degli opinionisti all’improvviso è diventato astioso e acido nei miei confronti. L’ho trovato strano perché prima tra noi c’era un buon rapporto, non ho capito cosa sia successo. Durante le ultime registrazioni, venivo attaccato ogni volta che aprivo bocca. Non riuscivo più a gestire quella cattiveria, ero molto a disagio. Se non ci fossero state Maria in studio e Lucia (una redattrice) fuori dallo studio non sarei rimasto così a lungo, sarei andato via prima. Speravo cambiasse il vento ma… niente da fare. Poi nell’ultima puntata c’è stato un duro scontro con una signora del pubblico, determinata a ribadire che io avevo trattato male Gemma: faceva un gesto non carino e ripeteva ‘Business! Business!’, mentre un’altra gridava ‘Vai a casa!’”. Il clima di tensione è stato acuito dall’opinionista di cui sopra: “In tutto questo, Gianni mi diceva che non potevo trattare il pubblico così. In quel momento ho capito che non c’era più ragione di prendere parte al programma”.