CONDIVIDI
Gianfranco D'Angelo
(Websource)

Gianfranco D’Angelo torna a parlare dei 2 mila euro di pensione percepiti dopo una vita di lavoro e spiega che non voleva essere una lamentela, bensì una semplice constatazione. Il vip non è intenzionato a vendere la villa in Sardegna.

Nei giorni scorsi sono state pubblicate alcune affermazioni di Gianfranco D’Angelo che hanno fatto storcere il naso ai più. Il comico spiegava che con la pensione da 2 mila euro al mese che percepisce non può mantenere lo stile di vita fatto finora e ritiene che questo non sia giusto dopo 60 anni di contributi versati. Gli utenti web hanno preso le dichiarazioni di D’Angelo come un insulto alla povertà, facendogli presente che ci sono persone che, dopo anni di lavoro, percepiscono pensioni ben più magre della sua. Altro motivo di polemica è stata la villa in Sardegna che il comico manterrebbe con difficoltà con la sola pensione e a cui non vuole rinunciare, in molti infatti hanno sottolineato che si tratta di un bene di lusso e che non è assolutamente necessario che la mantenga.

Leggi anche -> Gianfranco D’Angelo confessa: “Costretto a lavorare a 82 anni”

Gianfranco D’Angelo: “Non ho mai detto di essere povero, ma non rinuncio alla villa”

Viste le polemiche sulle precedenti dichiarazioni, l’ex mattatore di ‘Drive In’ ha risposto ai detrattori in un’intervista concessa al ‘Corriere della Sera’, nella quale ha innanzitutto chiarito le sue precedenti esternazioni: “È seccante quanto ho letto su alcuni giornali, che hanno distorto le mie parole. Non è vero che ho detto di esser povero e soprattutto non mi lamento. Non sono in rovina, dico solo che la pensione che prendo non mi permette di godermi quello che ho costruito. È ovvio che sto meglio rispetto a chi prende 400 euro al mese, ma io ho lavorato per 60 anni”.

Insomma D’Angelo ha semplicemente fatto notare come l’attuale pensione non gli permette di mantenere lo stile di vita a cui è abituato ed è per questo motivo che preferisce continuare a lavorare finché ne avrà le forze. Chiarito questo l’intervistatore gli chiede come mai non rinunci alla villa in Sardegna, magari semplicemente affittandola per il periodo estivo, ma lui risponde: “Ma perché? Ci ho messo tanto per farmela, ho faticato tanto. La gente può dire quello che vuole ma non sarebbe giusto: possibile che neanche negli ultimi anni di vita si possa godere anche di qualche piccola soddisfazione oltre alla sussistenza? Ripeto: non sono in miseria, ma in proporzione a quello che ho dato mi sembra molto poco. Poi se si vuole fare polemica…”.

Leggi le nostre notizie anche su Google News