CONDIVIDI
(Websource)

Sophia è andata a dormire da un’amichetta ed è morta nel sonno perché, diabetica sin dalla nascita, è caduta in coma a causa di un drastico calo di zuccheri.

Sophia Daugherty, di New Castle, in Pennsylvania, è andata a dormire da un’amichetta e non si è più svegliata. La piccola era diabetica sin dalla nascita ed è caduta in coma diabetico mentre stava dormendo.

Leggi anche —> Marco muore mentre fa jogging al parco: cardiologo stroncato da un infarto

Sophia, 9 anni, va a dormire da un’amica e muore nel sonno

Sophia Daugherty, di New Castle, è morta dopo essere caduta in coma diabetico durante il sonno. Quando al mattino la famiglia che l’ospitava si è resa conto che la bambina non si svegliava ha allertato i soccorsi che giunti presto sul posto l’hanno portata in ospedale d’urgenza. Sophia, che a causa della sua malattia cronica era costretta ad una determinata routine, l’ha inconsapevolmente sconvolta preparando il terreno al coma. Probabilmente la piccola, secondo quanto riferito dall’ospedale che l’aveva presa in cura quando la criticità del suo stato era ormai irreversibile, ha subìto nella notte un drastico calo dei livelli di zucchero presenti nel sangue forse a causa di un pasto saltato o nella non adeguata somministrazione della sua terapia. Il coma diabetico, quando i familiari dell’amica che l’ospitava si sono resi conto della situazione, era ormai ad uno stadio irreversivibile e, nonostante le cure prestatele in ospedale, non è stato possibile riportarla indietro. La famiglia di Daugherty aveva avviato una raccolta fondi online per sostenersi economicamente ed assicurare a Sophia tutto l’aiuto possibile ma questo non è bastato poichè, purtroppo, dopo qualche giorno il coma diabetico ormai irreversibile l’ha portata al decesso. La raccolta fondi è stata destinata al funerale della piccola Sophia, a cui sarebbe bastata solo qualche ora in meno in stato di coma per sopravvivere.

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News

Marta