CONDIVIDI
Iuschra
Iuschra

Ormai è un giallo quello della piccola scomparsa a Serle: riprese le ricerche di Iuschra, non muore la speranza di poterla ritrovare, nuovi appelli.

Sono passati due mesi dalla scomparsa nel nulla di Iuschra, la bambina di 12 anni disabile che si è persa nei boschi di Serle, nel bresciano. La piccola è autistica ed era in gita con altri bambini disabili. Si è allontanata e non è chiaro che fine abbia fatto. La piccola indossa una maglietta gialla a fiori e un paio di leggins neri. Per ritrovarla, tanti sono gli appelli su Facebook.

Leggi anche –> Serle, bambina scomparsa: sottovalutato il rischio di fuga delle persone autistiche

Le nuove ricerche degli inquirenti e la speranza dei familiari di Iuschra

Gli inquirenti, nel frattempo, sembrano non volersi arrendere: tra martedì 18 e mercoledì 19 settembre sono tornati nel bosco con Enrico Ragnoli, il 30enne testimone che il giorno dopo la scomparsa della ragazza aveva detto di averla notata sul posto. La zona è stata nuovamente passata al setaccio, ma ancora una volta si è rivelato tutto un buco nell’acqua.

Nemmeno i genitori vogliono desistere, il loro appello è uno solo: “Non dimenticatela. Continuate a cercare”. Ma al di là della testimonianza del trentenne, non vi è altro: non un indumento, una traccia o un piccolo messaggio. Come se Iuschra da quel bosco quasi non fosse mai passata. Intanto, vanno avanti le indagini e vengono passate al setaccio altre zone, mentre la Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti per lesioni colpose. Il timore è infatti quello che qualcuno abbia fatto del male alla bambina.

Leggi anche –> Serle, bambina scomparsa: il padre vuole ritrovarla, un appello disperato

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News