CONDIVIDI

Un uomo di origine albanese, nonostante si sia masturbato davanti ad una ragazzina, non avrà altre conseguenze penali oltre ad una multa.

Un 28enne albanese che si era masturbato davanti ad una ragazzina non avrà conseguenze penali ma solo una multa: “Un altro regalo del Pd agli italiani”, tuona il Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Leggi anche —> Salvini poeta cita Shakespear: “Folle è l’uomo che parla alla luna…”

Albanese si masturba davanti a una ragazzina: solo una multa

Un 28enne albanese si è toccato davanti ad una ragazzina ma non avrà conseguenze penali, se non una multa, ed il Ministro dell’Interno tuona contro il Centro sinistra, a cui imputa l’ingiusta sentenza: ”Un altro regalo del Pd agli italiani a cui cercheremo di rimediare”. Il ministro ha scritto, quindi, al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, per chiedergli di intervenire sulla vicenda: “Giù le mani dalle donne e dai bambini”. La vicenda in questione è accaduta 4 anni fa quando una minorenne di San Donà di Piave si è riparata dalla pioggia nell’androne di un palazzo. La giovane vedendola si è abbassato i pantaloni ed ha iniziato a toccarsi. I genitori della ragazzina, quando sono venuti a sapere dell’accaduto, hanno rintracciato il furfante e lo hanno portato a processo. Accusato di atti osceni in luogo pubblico, però, non ha avuto la pena di 3 anni e 3 mesi come la famiglia e la pubblica accusa si erano augurati ma solamente una multa. L’accusa di Salvini al Pd si riferisce al decreto legislativo del 2016 proclamato dal precedente governo che lo ha depenalizzato. La pena prevista per gli atti osceni in luogo pubblico, prima punita con la reclusione, dal 2016 prevede la semplice sanzione amministrativa.

Leggi le nostre notizie di viaggi, cronaca, politica e gossip anche su Google News