CONDIVIDI
(Websource)

Ad Abetone, in provincia di Pistoia, un autobus è rimasto fermo per un’ora e mezza perché 10 richiedenti asilo senza biglietto si sono rifiutati di scendere dal mezzo.

Dieci richiedenti asilo, giovani e provenienti da Senegal, Costa d’Avorio, Mali, Gambia e Nigeria sono stati accolti in una struttura predisposta presso Abetone, in provincia di Pistoia ma, giovedì scorso nel tardo pomeriggio sono saliti tutti su un autobus privi di biglietto. Il conducente del mezzo, dopo essersi accorto della mancata vidimazione, ha chiesto ai passeggeri di acquistare un biglietto o, in alternativa, di scendere dall’autobus ma il gruppo di richiedenti asilo si è rifiutato di fare entrambe le cose. Il servizio è stato così interrotto sino all’arrivo dei carabinieri.

Leggi anche —> Migranti, nave bloccata tra Malta e Sicilia con 523 profughi

Richiedenti asilo senza biglietto si sono rifiutati di scendere dal bus interrompendo il servizio

I carabinieri di Abetone, in provincia di Pistoia, sono intervenuti con una pattuglia presso un autobus che era rimasto fermo a causa di alcuni passeggeri che, senza biglietto, si sono rifiutati di scendere dal mezzo. L’autobus della Copit era partito da Abetone ed era stato preso da 10 richiedenti asilo per giungere sino a Pistoia. Il gruppo di profughi, però, non era in possesso di biglietto e quando il conducente ha fatto notare tale anomalia i giovani richiedenti si sono rifiutati di acquistare il ticket. Il conducente ha, dunque, intimato il gruppo di scendere dal mezzo ma questo si è rifiutato ancora una volta costringendo l’uomo ad allertare le autorità. La pattuglia giunta sul posto ha fatto scendere i giovani profughi ed ha provveduto all’identificazione grazie al centro di accoglienza in questi erano ospitati. Due degli uomini, infatti, si sono rifiutati di mostrare un documento di riconoscimento e sono stati denunciati mentre altri 3 sono stati denunciati per non aver nè documento identificativo con sè nè permesso di soggiorno. Tutto il gruppo è stato denunciato per aver interrotto il servizio pubblico poichè l’autobus è rimasto fermo per circa un’ora e mezza a causa del disagio causato dai richiedenti asilo senza biglietto. Durante le indagini dei carabinieri sono emersi, inoltre, ulteriori elementi che hanno portato all’identificazione ed alla denuncia di altri due ospiti della struttura di accoglienza di Abetone che, nei giorni precedenti, avevano minacciato e percosso alcuni operatori intenti a fare il proprio lavoro.

Marta