CONDIVIDI
sex dolls
(screenshot video)

La casa d’appuntamenti per bambole, fra clamore e consenso, aveva aperto a Torino ma è stata chiusa per aver violato le regole.

Dopo la prima e discussissima apertura di una casa d’appuntamenti con bambole in italia, l’azienda ha dovuto presto chiudere i battenti. Il motivo che ha spinto le Forze dell’Ordine alla diffida è che già ai primi controlli la casa per bambole non è risultata essere in regola.

Leggi anche —> Torino, la casa di appuntamenti con sex dolls fa il pieno di richieste

Chiusa la casa d’appuntamenti per bambole di Torino: violate le regole

Nonostante le molte contrapposizioni che la LumiDolls ha trovato sulla propria strada, la casa di appuntamenti per bambole era riuscita ad aprire per la prima volta i battenti a Torino, riscuotendo non poco successo. Situata nella periferia della città, la casa per bambole aveva attirato in molti, fra curiosi ed appassionati, alla propria porta ma, già dai primi controlli, l’attività non è risultata a norma di legge. L’ufficio d’igene dell’Asl e la Polizia Municipale torinese, infatti, hanno effettuato un blitz nella casa ed hanno scoperto che nello stabile veniva esercitata abusivamente l’attività di affittacamere. I titolari dell’attività, chiamati a rispondere dell’illecito, non hanno saputo giustificarlo e sono, quindi, stati diffidati dal continuare l’esercizio nello stabile. L’Asl sul posto si è occupata di apporre i sigilli ed effettuare i rilevamenti del caso per verificare se il sistema di pulizia delle bambole sia effettivamente a norma di legge o se anche questo sia compromesso.

Marta