CONDIVIDI
Maria
Maria

Il caso di Maria, 13enne tedesca sparita da casa: ritrovata dopo 5 anni in Italia, fuga con un adulto molto più grande, ne parla ‘Chi l’ha visto?’.

Il ritrovamento di una ragazza cinque anni dopo la scomparsa, Maria, è avvenuto lo scorso fine agosto. Di lei non si avevano notizia dal 2013, quando a soli 13 anni, era sparita nel nulla da Friburgo in Brisgovia, cittadina della Germania sud-occidentale, al confine con la Svizzera. La sua vicenda è stata a lungo un mistero e presenta ancora delle zone d’ombra. Infatti, Maria ha cambiato più volte versione rispetto al ruolo di Bernhard Haase, l’uomo di quarant’anni più grande che l’avrebbe fatta sparire nel nulla.

Leggi anche –> Scomparsa Runa Moccia, il padre Piero e l’appello a Papa Francesco

Cosa è accaduto a Maria: le due versioni della ragazza

Stando a una delle sue versioni, la ragazza avrebbe lasciato l’uomo ancora 13enne, poco dopo la fuga, mentre si trovavano a Gorlice. Quindi, in bicicletta e da sola, dormendo in tenda, avrebbe attraversato l’Est Europa, quindi dopo tre mesi sarebbe arrivata in Italia e si sarebbe mantenuta barcamenandosi tra “diversi lavoretti” di pulizia e aiuto domestico. Si sarebbe resa indipendente e a fine agosto di quest’anno si sarebbe rimessa in contatto con la famiglia, che l’aveva recuperata a Milano il 31 agosto. Del caso si è anche occupata la trasmissione ‘Chi l’ha visto?’.

La ragazza, sentita nuovamente dalla polizia, ha cambiato versione dei fatti. Ha chiamato in causa Bernhard Haase, arrestato il 6 settembre in Sicilia, spiegando che quella fuga attraverso l’Europa l’avrebbe compiuta proprio insieme a lui. Haase si trovava in un appartamento controllato dalla polizia, che ha scoperto che su di lui pendeva un mandato di arresto internazionale. Il 57enne aveva migliaia di euro e svariati telefonini. Dopo il suo arresto, Maria ha deciso di raccontare la nuova versione dei fatti. Ha spiegato sua madre: “La sua prima versione dei fatti era volta a proteggere il signor Haase. Fino a pochi giorni fa non mi era chiaro fino a che punto mia figlia fosse stata manipolata, e lo è tuttora. Ma sono felice che sia qui, accanto a me, viva”.

Leggi tutte le nostre notizie su Google News