CONDIVIDI
Enrico Lucci
(screenshot Youtube)

Il conduttore Enrico Lucci contro la sinistra italiana sul tema dei migranti: “Non capiscono un c***o”, giudizio positivo su Marco Minniti.

Sta scatenando diverse reazioni un’intervista dell’ex Iena Enrico Lucci, che a Vanity Fair ha attaccato la sinistra italiana: “Una persona che arriva dal Ghana non ha gli stessi diritti di un italiano che aspetta da 15 anni una casa popolare. Bisognava avere le palle di spiegarlo e di spiegarlo bene”. Il conduttore di Nemo argomenta come la sinistra non ha capito che “l’arrivo di migliaia di disperati avrebbe dato il via a una guerra tra poveri. I tanti reietti che abbiamo in Occidente e che guardavano alla sinistra non si sono sentiti protetti”. Unico plauso all’ex ministro Minniti, “un eccellente ministro dell’Interno purtroppo arrivato fuori tempo massimo”.

Leggi anche –> Immigrato dà ragione a Salvini: Italiani stufi, non sono razzisti – VIDEO

Le accuse di Enrico Lucci alla sinistra italiana

Secondo Lucci, “è fatale che sentendosi indifesi dalle loro periferie”, i reietti delle periferie italiane “si siano rivolti a chi dice – e magari afferma soltanto senza muovere un dito – di volerli difendere. La sinistra degli studiosi e dei capalbiesi non ha capito nulla di quel che stava accadendo”. Enrico Lucci ritiene che “la migrazione nel mare andava interrotta perché è illegale e criminale e che gli uomini che viaggiano sono senz’altro nostri fratelli perché i razzisti e gli xenofobi ci ripugnano, ma non è quello il modo di venire in Europa”.

Quindi prosegue: “Non si arriva sui barconi perché è pericoloso e il Mediterraneo è pieno di morti innocenti. La sinistra non ha avuto il coraggio di ribadire cose ovvie e neanche i co***oni di mandare le navi militari in Siria a salvare chi stava scappando da guerre vere e torture”. “Se non sei credibile e ti ripari dietro a un buonismo da quattro soldi è ovvio che arrivi poi uno come Salvini, dica sistemo tutto io e vinca in cinque secondi”, evidenzia Enrico Lucci, per il quale “Salvini non è mica un genio, sono gli altri che non hanno capito un c***o”. Fa quindi un esempio: “La sinistra ha scoperto che esisteva la tv quando Berlusconi aveva già un impero. Essendo in costante differita con la realtà tendono a scimmiottare. A imitare male. E quando imiti male, come faceva pateticamente Renzi nelle sue intemerate sui social, esce sempre la puzza di finzione”.

Leggi anche –> “Assurdo accusare di sequestro di persona chi trattiene per il rimpatrio”

Leggi tutte le nostre notizie su Google News