CONDIVIDI
Figlio autistico
(Facebook)

Il presentatore brasiliano Marcos Mion ha pubblicato sul proprio profilo Facebook un video in cui balla insieme al figlio autistico, con il quale ha fatto emozionare milioni di persone.

I genitori hanno come loro primo obiettivo quello di rendere la vita dei figli la migliore possibile. L’istinto naturale di un padre e di una madre è quello di voler vedere i figli sorridere, ridere e divertirsi, poiché le loro risate ed il lodo buon umore rendono la casa un posto migliore in cui abitare. Questo vale anche e soprattutto per quei genitori a cui capita di avere un bambino con disabilità, l’istinto genitoriale in questo caso diventa una vera e propria missione tesa a rendere ogni istante della loro vita indimenticabile, spensierato e degno di essere vissuto.

Sicuramente la pensa così il presentatore brasiliano Marcos Mion, padre di un bambino autistico, il quale passa ogni momento libero della sua vita a cercare di migliorare la qualità della vita di suo figlio. Due mesi fa Mion ha pubblicato un bel video in cui balla insieme al figlio nella camera da letto sulle note di una vecchia canzone Rock and Roll: i due si lasciano andare ad un ballo sfrenato al termine del quale si mettono a ridere e si abbracciano. Il video ha raggiunto in questi due mesi 11 milioni di visualizzazioni ed è stato condiviso circa 117.000 volte.

Balla insieme al figlio autistico, il video diventa virale: “Quando balliamo il mondo scompare”

Nel presentare il video ai propri contatti, il presentatore brasiliano racconta qualcosa del figlio Romeo, ci dice che il ragazzo non riesce a mascherare le proprie emozioni, che quando piange è perché il dolore lo ha sopraffatto e quando è felice gli trema la mano e comincia a saltare come un ossesso. Allo stesso modo si comporta con le persone se le ama il suo amore è incondizionato, se le odia non c’è verso di fargli cambiare idea.

Dopo di che Mion spiega come il ballo sia il modo in cui i due riescono ad entrare in contatto in modo profondo: “Quando balliamo tutto il mondo scompare e non c’è nulla di più importante e piacevole del legame formato in quel momento lì! Dare un senso alla frase: ‘Balla come se nessuno ti stesse guardando'”. Quindi parla agli altri genitori e dice loro: “Qualunque sia il modo in cui ti connetti con il tuo figlio speciale, fallo sempre. Alla fine della giornata noterai che chi ha più bisogno di questa connessione sei tu”.


Leggi le nostre notizie su Google News