CONDIVIDI
Salvini
(Screenshot Video)

Salvini parla in diretta dell’iniziativa Scuole sicure e promette che i controlli davanti agli istituti porteranno ad una diminuzione dello spaccio.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini sta parlando in diretta dal Viminale dell’iniziativa ‘Scuole Sicure’ che dovrebbe portare negli intenti del leader del carroccio ad una diminuzione dello spaccio davanti agli edifici scolastici. Per l’operazione verranno spesi 2,5 milioni di euro e delle pattuglie di agenti verranno schierati davanti alle scuole, laddove i presidi degli istituti ed i sindaci facciano richiesta di maggiore controllo. Nell’annunciare l’iniziativa Salvini spiega che non ci sarà un controllo di tipo militare, ma che sarà semplicemente posta più attenzione in quei contesti che vedono delle criticità: “Ho il piacere di annunciare questa iniziativa, il mio intento è che la criminalità davanti alle scuole diminuisca e che non aumenti come negli anni passati”.

Leggi anche-> Calcio, Salvini contro i troppi stranieri: “Bisogna dare un limite”

Salvini, scuole sicure: “Il mio obbiettivo è rendere la scuola sicura”

Dopo aver spiegato che l’iniziativa ‘Scuole Sicure’, comporterà innanzitutto l’istallazione di telecamere di videosorveglianza all’ingresso degli edifici, il ministro dell’Interno ha lasciato spazio ai giornalisti di fare qualche domanda inerente all’argomento. Approfittando della possibilità un giornalista gli chiede se come Renzi prima di lui (la buona scuola) ha un aggettivo da mettere sulle iniziative riguardanti le scuole e Salvini ha risposto: “Scuole sicure fuori è di mia competenza, scuole sicure dentro è di competenza del ministro Bussetti, il quale sta lavorando con i comuni e con le regioni per spendere in manutezione quei 7 miliardi di euro che non sono stati spesi in precedenza”, quindi aggiunge: “L’obbiettivo è quello di rendere più belle e più sicure le scuole fuori e dentro”.

Leggi le nostre notizie su Google News