CONDIVIDI
De Magistris
(Websource)

Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris è in aperto contrasto con l’attuale governo e sopratutto con la Lega e spinge per l’autonomia di Napoli e di tutto il meridione.

Napoli città-stato? In un discorso che muove accuse contro l’attuale governo ma che non dimentica di quanto successo in passato, di come Napoli abbia fornito all’Italia il proprio contributo economico e di forza lavoro nel corso di questi anni, Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, fa un discorso secessionista, alla stregua di quelli che negli anni passati proponeva la Lega per l’indipendenza della Padania. Parte da lontano l’ex magistrato e ricorda come le casse del Banco di Napoli abbiano risanato i debiti dei Savoia dopo l’unità d’Italia, ricorda come i napoletani siano andati al fronte nella Prima guerra mondiale per difendere i confini, come abbiano per primi sovvertito il dominio nazi-fascista in Italia ed infine come proprio gli operai meridionali abbiano contribuito alla crescita nel secondo dopo guerra.

In compenso è stato contratto un debito nei confronti del governo centrale che il sindaco partenopeo ritiene ingiusto , dovuto agli aiuti economici ricevuti per la ricostruzione dopo i terremoti e ai commissariamenti per l’emergenza rifiuti, situazioni per cui si dovrebbe ricevere degli aiuti. A questo si aggiungerebbero anni di politiche ingiuste nei confronti del meridione ed un governo attuale che punta al consolidamento dell’asse lombardo-veneto a discapito, ancora una volta, della crescita del sud. Per questo De Magistris propone l’autonomia di Napoli, non un distacco totale dal governo centrale ma nemmeno un’autonomia di facciata, tanto che nei prossimi mesi verranno approntati dei documenti ufficiali.

Leggi anche -> De Luca contro De Magistris: “Ma questo è pazzo, dovete sputargli in faccia”

De Magistris, Napoli città autonoma: “Creeremo una nostra moneta da affiancare all’euro”

Per dimostrare che non si tratta di una mera propaganda meridionalista il sindaco napoletano spiega che nelle prossime settimane verranno approvate tre delibere: “La prima: Napoli Città Autonoma, un manifesto politico concreto sull’autonomia della città. La seconda: cancellazione del debito ingiusto. La terza: realizzazione di una moneta aggiuntiva all’euro per dare forza a Partenope”. Infine De Magistris si scaglia contro la Lega che da sempre guarda con odio il sud e spinge per l’autonomia del nord: “Di fronte ad un Governo ad evidente trazione anti-meridionale, di fronte al rafforzamento dell’asse Lombardo-Veneto per l’attuazione del referendum autonomista, già lavorano per dirottare la gran parte delle risorse verso i ricchi, dando elemosine al Sud, magari con la veste ingannevole di un pseudo reddito di cittadinanza, noi dobbiamo lanciare una sfida storica, mai pensata ed attuata sinora”. Insomma si tratterebbe di una misura per tutelare i cittadini del sud e non farsi sopraffare da chi vorrebbe renderli cittadini di secondo livello.

Leggi le nostre notizie su Google News