Home Enogastronomia Festa della mora: gustarsi i frutti di bosco in Toscana

Festa della mora: gustarsi i frutti di bosco in Toscana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:44
CONDIVIDI

sagra more

La Festa della Mora ha luogo a Vaglia in Toscana nel weekend del 31 agosto e 1 e 2 settembre

In Toscana, terra ricca di tesori artistici, di paesaggi meravigliosi e di buona cucina, hanno luogo in estate tantissime sagre dove poter fare incetta di leccornie e specialità del territorio. Un mangiare sano e a chilometro zero, rustico e verace come i piatti proposti, semplice ma di estrema soddisfazione. Dai porcini agli agnolotti dalle zuppe alle more. 

Sagra delle More di Vaglia

A fine estate a Vaglia, in provincia di Firenze, si tiene la Festa della mora e dei frutti di bosco. Una tre giorni in cui poter assaporare il dolcissimo frutto in tante varianti diverse oltre a mangiare piatti tipici del luogo. Quest’anno la Festa della Mora di Vaglia giunge alla sua terza edizione e si terrà da venerdì 31 agosto a domenica 2 settembre.

Gli stand enogastronomici saranno aperti tutte le sere e la domenica anche a pranzo e proporranno oltre la mora e i frutti di bosco, primi piatti e carne alla brace. Inoltre la Festa sarà allietata da concerti e intrattenimenti per bambini.

Vaglia è un piccolo centro che dista poco più di 20 km da Firenze. Questo piccolo comune conserva alcuni monumenti storici di rilevanza come delle splendide chiese cinquecentesche indubbiamente da vedere. Nei pressi di Vaglia da non perdere poi il Colosso dell’Appennino a Villa Demidoff immerso in uno meraviglioso parco all’inglese.

Mora, benefici e proprietà: ecco perché mangiarla

Tra quelle surgelate e quelle di rovo la differenza è ovviamente enorme. Se ne avete quindi la possibilità andate a cogliere le more oppure andate in giro per sagre, come quella di Vaglia, dove poter gustare questo dolcissimo frutto. Ma oltre che buona la mora è anche un toccasana per la salute.

La mora contiene acidi grassi, vitamine, minerali, tantissimo ferro e carboidrati. E’ un antiossidante naturale prezioso che contrasta i radicali liberi, elimina le tossine migliorando la pelle, i tessuti e l’apparato circolatorio, quindi un alleato prezioso per la stasi venoso; ha poi proprietà antinfiammatorie, antipiretiche e antibatteriche; grazie alla vitamina C aiuta la dentatura ad essere più forte e contrastando i batteri aiuta ad eliminare la placca; ricchissime di ferro le more sono un valido alleato contro l’anemia.

Autore: Claudia Colono

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteEstrazione Million Day oggi giovedì 30 agosto: DIRETTA risultati
Articolo successivoMilano, migrante 40enne abusa di una ragazzina: scarcerato, era consenziente
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.