CONDIVIDI
Libia
(Screenshot)

Clamorosa rivelazione del blogger David Puente, Le foto delle torture sui migranti in Libia sono FALSE: ecco le prove. 

Il famoso blogger ed esperto di smascheramento di bufale David Puente ha portato alla luce una verità clamorosa in merito alle tanto discusse foto e video relative alle torture che i migranti libici subirebbero in cosiddetti lager nei quali vengono rinchiusi. Oggi molti giornali, primo fra tutti l’Avvenire e Repubblica. Quest’ultimo ieri titolava: “Libia, torture ai migranti. I terribili video che il Papa ha voluto vedere: “Ecco che succede a chi è rimandato indietro”. E il giorno prima Avvenire proponeva le stesse foto con questo titolo: “Migranti. «Riportarli indietro? Pensateci bene». I filmati che il Papa ha voluto vedere“.

Oggi David Puente spiega l’origine di quelle foto: “Veniamo alla foto dove tre uomini vengono appesi per i piedi a una finestra:

Secondo Avvenire è un “Fermo immagine dal video dei lager libici”

Questa foto venne usata già in passato, come possiamo vedere nell’articolo di Europa.today.it del 26 novembre 2017. In un articolo del sito Tori.ng del 25 ottobre 2017 viene attribuita a tre delinquenti catturati e torturati prima di essere consegnati alla polizia.

Per quanto riguarda l’immagine dell’uomo legato con una corda:

Avvenire: “Fermo immagine dal video dei lager libici”

Si tratta in realtà di una foto risalente a novembre 2017. David Puente ha cercato l’autore di questa foto, ma non si trova. Nessuno sa chi l’abbia fatta.

David Puente conclude: “Bisogna stare attenti a cosa si pubblica e a cosa viene fornito alle autorità, che sia un politico o meno, perché questo potrebbe amplificare il tutto e creare un danno ben maggiore per tutti (nessuno escluso)”.

L’Avvenire ha risposto spiegando di aver sbagliato ad usare due foto effettivamente non inerenti ai video ricevuti, ma ha confermato di avere in mano video che ritraggono le torture nei lager libici e rigetta fermamente le accuse di aver prodotto una fake news. “Nel creare la didascalia delle foto abbiamo erroneamente scritto che erano frame tratti dai filmati. Invece si tratta di foto, anche queste consegnate da alcuni richiedenti asilo. Cosa di cui ovviamente ci scusiamo. Ma i filmati esistono, sono drammatici e sono stati consegnati alla magistratura inquirente. Ed è di questi che parla il nostro articolo.” scrive Avvenire.