Home News Vicenza, assessore sgombera un campo rom con il suo carro attrezzi

Vicenza, assessore sgombera un campo rom con il suo carro attrezzi

CONDIVIDI
Vicenza, assessore sgombera un campo rom con il suo carro attrezzi
(Websource)

L’assessore alla sicurezza di Malo (Vicenza) Moreno Marsetti è stato celebrato come un eroe dal web per aver effettuato lo sgombero di un campo rom a bordo di un carro attrezzi.

Per molti utenti del web Moreno Marsetti, 39enne assessore alla sicurezza del Comune di Malo, è diventato il primo esecutore delle volontà di Matteo Salvini riguardo allo sgombero forzato dei campi rom. Questo perché si è divulgata la notizia che l’assessore si è recato allo sgombero del campo rom di Malo a bordo del suo carro attrezzi. Lui però ha precisato di non averlo utilizzato, di essere giunto al campo insieme alle forze dell’ordine e di aver spiegato ai presenti che la loro presenza in quel luogo costituiva una violazione alla legge. Lo sgombero, quindi, è avvenuto ma con modalità pacifiche e senza bisogno di utilizzare quel carro attrezzi.

Leggi anche -> Roma, sgombero campo rom Camping River: “Ci trattano come animali”

Vicenza, assessore sgombera campo rom: “Non sono un eroe, ho applicato la legge”

Intervistato dopo la celebrità ottenuta, Marsetti ha fatto professione di umiltà: “Era già successo altre volte non escludo che potrà succedere anche in futuro. Sono convinto che faccia parte del mio compito, visto che sono stato eletto dai cittadini e poi nominato assessore alla sicurezza. Personalmente non ho fatto altro che far rispettare un’ordinanza comunale, per essere preciso l’articolo 35, che prevede il divieto di sosta e di campeggio tali da bloccare tratti di strada e passi carrai”.

Poi gli viene chiesto se avesse ricevuto delle critiche per la sua azione e lui ha risposto: “Per la verità, almeno per quanto riguarda i miei profili, non ho registrato nessuna voce contraria, credo anche per il fatto che non c’è stato nessun tipo di forzatura”. Solo complimenti, quindi, a cui si sono aggiunte le chiamate dei colleghi politici: “Moltissimi di loro, non solo del mio partito, mi hanno anche telefonato, anche onorevoli che operano a livello nazionale ed europeo”.