CONDIVIDI
Genova
(screenshot video)

Genova, l’incubo non è finito: il Ponte Morandi fa ancora paura, infatti il moncone est è un serio pericolo, potrebbe essere abbattuto.

Il moncone est di ponte Morandi è un serio pericolo: per questo le strade percorribili sono due: l’abbattimento o la messa in sicurezza. A renderlo noto, poco fa, la struttura commissariale per l’emergenza che ha ricevuto una relazione tecnica dalla commissione ispettiva del ministero guidata dall’architetto Roberto Ferrazza. Il ministero delle Infrastrutture è stato già avvertito, così come Autostrade per l’Italia. Verranno perciò avviati gli interventi necessari.

Leggi anche –> Autostrade per l’Italia si scusa con gli italiani, Salvini: “Meglio tardi che mai”

La situazione del moncone est del Ponte Morandi

Qualche giorno fa, i vigili del fuoco hanno deciso di interrompere le operazioni di recupero delle masserizie e degli oggetti personali dalle abitazioni evacuate. Questo perché da stanotte si sarebbero uditi scricchiolii provenienti dal moncone est di ponte MorandiL’allarme è stato lanciato da alcuni cittadini residenti nella zona, così dopo un primo sopralluogo è stato escluso il fattore vento e si è capito che la questione era ben più seria.

Nel frattempo, nella giornata di oggi, negli uffici della società Autostrade, avverrà – attraverso la Guardia di finanza – l’acquisizione di materiale utile all’inchiesta sul crollo di ponte Morandi. Non verranno invece ascoltati nell’immediato come testimoni i componenti della commissione ministeriale, Roberto Ferrazza che la presiede e Antonio Brencich, l’architetto che aveva lanciato l’allarme sulla pericolosità del Ponte Morandi. I Pm al momento vogliono prima procedere con la raccolta di atti e iniziare ad esaminare la documentazione.