CONDIVIDI
britney spears
(Instagram)

Anche Britney Spears come Asia Argento, accuse contro la cantante: molestie al suo bodyguard, la vicenda risale a qualche anno fa.

Donne famose che molestano o abusano di uomini e poi li pagano in cambio del loro silenzio: in queste ore, è esploso il caso di Asia Argento. Di qualche anno fa, invece, la vicenda di Britney Spears. La cantante, in sostanza, avrebbe risolto una causa per molestie sessuali con la sua ex guardia del corpo, secondo quanto riferito, per impedire che informazioni umilianti venissero alla luce. In ogni caso, la rivista Star ha ottenuto una trascrizione della deposizione di Fernando Flores, questo il nome del giovane, che rivela dettagli imbarazzanti che circondano il caso.

Leggi anche –> Britney Spears, la cantante è la nuova testimonial di Kenzo

Le accuse a Britney Spears: come è andata a finire

“Mi ha detto di aspettare 15 minuti e poi bussare alla porta della sua camera da letto. Così ho fatto”, ha detto il suo bodyguard nell’interrogatorio, accuse che negli anni sono state di fatto insabbiate. Il giovane aveva raccontato: “Indossava un abito da sera trasparente. Le ho chiesto: “Che cosa hai bisogno che io faccia?” Ha detto, “Oh, puoi accendere il caminetto.” Sto cercando di accenderlo … e la guardo e lei lascia cadere l’accendino e poi si china”. La guardia del corpo sarebbe anche stata testimone di un amplesso tra Britney Spears e si presume il suo fidanzato.

Alla domanda sul comportamento della Spears nella deposizione, Flores ha definito la cantante “pazza”. Il bodyguard ha sottolineato: “Anche lavorando come agente di polizia, ho avuto a che fare con persone senza fissa dimora, ma non ho mai avuto a che fare con qualcuno di quella natura, di quel calibro”. Stando a quanto ricostruito da alcuni settimanali specializzati, la vicenda si concluse con una mediazione privata. Non si conoscono però i termini del risarcimento, mentre in più occasioni Britney Spears ha sempre negato quella vicenda, sostenendo che Flores cercava solo di “farsi un nome”.