CONDIVIDI
matteo Andretto
(Facebook)

Matteo Andretto non c’è più ucciso da un cancro al cervello circa un anno fa, il papà: “Donati gli organi, voglio rivedere il suo sorriso”.

Stefano Andretto, papà di Matteo, morto l’11 giugno di un anno fa, stroncato dall’aggravarsi di un cancro al cervello, ha vissuto momenti di dolore, ma oggi ha deciso di raccontare l’ultimo atto d’amore del figlio, ovvero la donazione di organi e lo ha fatto con un post su Facebook in cui ha lanciato un appello.

Leggi anche –> Malata si sposa in ospedale prima di morire: “Le hanno regalato l’ultimo sorriso”

L’accorato appello di Stefano, il papà di Matteo Andretto

Queste le sue parole: “Proprio un anno fa ho ricevuto questa telefonata… A Siena batte il suo cuore, a Torino respirano i suoi polmoni, a Modena i suoi reni ed il fegato, a Rimini vedono i suoi occhi… Ecco vorrei chiedere a tutti i contatti dei contatti dei contatti ecc… di far girare questo post per far sì che i riceventi degli organi di mio figlio possano leggere e vedere il suo sorriso… Vorrei solo abbracciarli per un momento… chiedo quindi se mai dovessero aver voglia di farsi vivi di contattarmi pure… grazie.  Matteo sei sempre nel mio cuore”.

Un appello che non è certo passato inosservato, con circa 75mila reazioni, più di 30mila commenti e le condivisioni del post che sono ormai 140mila. Numeri virali per un appello toccante che riguarda un papà che ha perduto suo figlio, ma non la speranza di poterlo veder rivivere in altre persone. Contattato dal ‘Corriere della Sera’, l’uomo ha spiegato: “Se dovessi incontrare le persone che hanno effettuato il trapianto resterei la stessa persona di sempre, ma sarei più felice. Aspetto che qualcuno si faccia vivo”. Un desiderio che speriamo possa concretizzarsi.