CONDIVIDI
Lazio
(Archivio)

Lazio, il messaggio choc della curva contro le donne: scoppia la polemica. 

Il messaggio scritto su un volantino distribuito ieri durante la partita Lazio-Napoli nella curva del tifo più caldo dei biancocelesti sta scatenando molte polemiche. Si tratta di un messaggio all’insegna del sessismo più becero che fa capire bene quello che non dovrebbe essere uno stadio moderno e ciò che non dovrebbe più essere il modo in cui viene considerato il calcio all’alba del 2018.

Ecco le parole indirizzate ai tifosi laziali dai capi ultrà: “La Nord per noi rappresenta un luogo sacro – si legge nel comunicato firmato dal direttivo “Diabolik Pluto” – un ambiente con un codice non scritto da rispettare. Le prime file, da sempre, le viviamo come fossero una linea trincerata. All’interno di essa non ammettiamo Donne, Mogli e Fidanzate, pertanto le invitiamo a posizionarsi dalla 10’ fila in poi. Chi sceglie lo stadio come alternativa alla spensierata e romantica giornata a Villa Borghese, andasse in altri settori”.

Lazio
(Facebook)

Molti i commenti negativi sul web. “Roma, 2018. Prima di #LazioNapoli i membri del “Direttivo Diabolik Pluto” dichiarano di non ammettere donne nelle prime file della curva nord, facendo forza su un regolamento interno discriminatorio e sessista.
Tutta la povertà culturale dell’Italia in un foglio di carta” scrive Riccardo su Twitter. “Agghiaccianti il disgustoso sessismo espresso nel volantino in curva Nord (e giustificano la xenofobia col fatto di voler ‘difendere le nostre donne da culture maschiliste’) e l’idea che il tifo calcistico non sia un momento di gioia, ma una vera e propria guerra!” aggiunge Sofia.