CONDIVIDI
(Facebook)

Grazie al lavoro di ricerca dei Vigili del Fuoco nei pressi dell’argine sinistro è stata ritrovata l’auto su cui viaggiava un’intera famiglia, il bilancio delle vittime sale a 41.

La quarta notte di scavi nei pressi del torrente Polcevera ha portato al ritrovamento dei corpi di un’intera famiglia. Si pensa che si tratti della famiglia Cecala, sulla cui auto si trovavano il giorno del crollo il padre Cristian, la madre Dawna e loro figlia Kristal che aveva appena 9 anni. I corpi verranno identificati nel corso delle prossime ore (i nomi si trovavano nella lista dei dispersi), il bilancio intanto è salito a 41 vittime. Ha dato i frutti la decisione di continuare le ricerche nella zona in cui è caduto il pilone di 20 metri presso l’argine sinistro del torrente Polcevera, l’auto in cui viaggiava la famiglia, infatti, è stata trovata proprio sotto il blocco di cemento. Se verrà confermata l’identità dei corpi appena estratti rimarrebbero solamente due i dispersi.

Leggi anche -> Ponte Morandi di Agrigento, sta crollando anche questo: demolizione immediata

Leggi anche -> Disastro Genova, addio a Francesco: ai funerali lo strazio della sorella

Disastro Genova: tra poche ore i funerali di Stato

Questa mattina, alle ore 11, si terranno in diretta nazionale i funerali di Stato, ai quali parteciperanno le massime cariche del governo. La cerimonia verrà tenuta dal cardinale Angelo Bagnasco, anche se molti dei parenti delle vittime hanno deciso di non partecipare alla funzione pubblica per piangere i propri cari in forma privata (come nel caso di Francesco Bello il cui funerale si è tenuto ieri). La decisione dei parenti delle vittime viene pienamente condivisa da padre Mauro Brezzo, il quale ha detto: “Sono pochi quelli che aderiscono ai funerali di Stato. Tanti non vogliono fare la passerella, e li capisco. Se invece di spendere i soldi per venire qui li avessero dati a questa povera gente, sarebbe stato meglio”.