CONDIVIDI
(Facebook)

Un 43enne ha frenato all’improvviso e, tamponato da un amico che guidava anche lui su due ruote, è morto a causa delle ferite riportate.

Un uomo di 43 anni, Matteo Contadin, era un operaio ad era originario di Este. Il 43enne era sulla strada 48 delle Dolomiti verso Misurina, quando ha frenato improvvisamente all’altezza del Comune di Auronzo di Cadore, in provincia di Belluno. La frenata è avvenuta troppo in fretta, evidentemente, ed il centauro che era alle sue spalle sul proprio veicolo, non è riuscito ad evitare il tamponamento. Fatalità ha voluto che il centauro, un uomo residente a Lonigo, in provincia di Vicenza, fosse un amico della vittima.

Leggi anche —> Valentina, una morte terribile a 26 anni: “Sarai l’angelo più bello”

Matteo Contadin ha frenato all’improvviso ed è stato tamponato da un amico

Secondo i rilievi e la ricostruzione effettuata dalla Polstrada, Matteo Contadin si trovava alle ore 9 circa di ieri sul tratto della strada 48 delle Dolomiti verso Misurina, al momento dell’incidente. A bordo della sua moto Bmw 1200 Gs, all’altezza del comune di Auronzo di Cadore, in provincia di Belluno, però, il 43enne avrebbe frenato per un motivo che non è ancora stato precisato dagli inquirenti. La frenata ha innescato il tamponamento da parte di un uomo su due ruote che, successivamente, si è venuto alla luce fosse un amico della vittima. L’amico, nonostante abbia frenato, non è riuscito ad evitare l’impatto con la moto Bmw di Matteo Contadin, il quale è finito contro il muro di cinta di un’abitazione posta a lato della strada. Sul posto sono immediatamente giunti i soccorsi che hanno cercato di salvare l’uomo e tentato di trasportarlo in ospedale ma le sue condizioni sono apparse sin da subito disperate.

Leggi anche —> Si schianta con l’aereo contro la propria casa per uccidere la moglie, ma muore solo lui

Intervenuti sul posto i soccorritori con l’elisoccorso da Treviso, infatti, non hanno potuto far altro che dichiararne il decesso perchè l’uomo si era già spento a causa della gravità delle lesioni riportate nell’impatto.

Marta Colanera