CONDIVIDI
Paura a Fontanarosa: obelisco di 25 metri cade durante la processione - Video
(Screenshot Video)

Il tradizionale obelisco dedicato alla Madonna della Misericordia di buon auspicio per il raccolto è crollato durante la processione rischiando di uccidere alcuni dei partecipanti.

Attimi di panico durante la festa inaugurale della stagione dei Carri in Irpinia: nel paese di Fontanarosa la popolazione si era riunita per la tradizionale processione con l’obelisco di paglia dedicato alla ‘Madonna della Misericordia‘ una tradizione religiosa che per i locali porta buon auspicio per la stagione dei raccolti e per l’annata a venire. Qualcosa, però, durante il trasporto non è andato come sarebbe dovuto e l’obelisco si è inclinato sul lato destro. In quel momento i tiratori si sono resi conto di dover correggere la direzione, ma nonostante i loro sforzi la monumentale opera da portare in dono alla Madonna fino alla cattedrale di Fontanarosa si è abbattuta su un’abitazione andando in frantumi.

Fontanarosa: obelisco di 25 metri crolla durante la processione

Mentre l’obelisco franava in direzione dell’abitazione, i fedeli riuniti sotto il monumento votivo con in cima la Madonna scappavano in preda al panico temendo di finire schiacciati sotto il suo peso. Per fortuna nessuno dei presenti è rimasto coinvolto nell’incidente e se la sono cavata con un grosso spavento ed il dispiacere per il fallimento della cerimonia. La distruzione dell’obelisco, infatti, è un segno negativo per tutta la cittadinanza, secondo la tradizione quando questo non è giunto fino alla cattedrale si sono verificate alluvioni ed altri eventi nefasti.

Ma se gli abitanti temono eventi nefasti, la direttrice della Protezione Civile della Regione Campania, Claudia Campobasso, fa notare come l’incidente di oggi sia un serio campanello d’allarme e dichiara: “Non basta invocare la fortuna. Il rispetto della normativa sulla sicurezza nelle manifestazioni pubbliche non deve essere sottovalutata”. Nel corso della giornata i Vigili del Fuoco si sono occupati di rimuovere ciò che rimaneva dell’obelisco votivo.