CONDIVIDI
Marina Nalesso
(screenshot video)

Marina Nalesso, giornalista del Tg1, sotto accusa: “Indossa il crocifisso in diretta”, viene però difesa e anche lei dice la sua sulle polemiche.

Critiche ‘laiche’ contro la giornalista del Tg1 Marina Nalesso, che indossa il crocifisso durante la conduzione del telegiornale. Le critiche sui social riappaiono due anni dopo le prime contestazioni. Questo il tweet contro la giornalista: “L’ostentazione dell’occupazione della #Rai da parte dia una fazione politica. Un affronto alla #laicità dello #Stato. Una grave mancanza di rispetto nei confronti de #cittadini. Se questi son cattolici autentici o carrieristi? #tg1 #Rai1 #Rai #ServizioPubblico #MarinaNalesso”.

Potrebbe anche interessarti –> La Lega vuole il crocifisso obbligatorio in tutte le scuole: ecco la proposta di legge

La giornalista Marina Nalesso viene difesa e si difende dalle accuse

Marina Nalesso trova però molta solidarietà rispetto alla sua scelta, tra cui quella di Giorgia Meloni, che evidenzia: “Dopo due anni, la giornalista del tg1 Marina Nalesso viene nuovamente contestata per aver indossato il crocifisso durante un’edizione. In una Nazione dove il servizio pubblico è stato perennemente influenzato dalla politica, è singolare che faccia scandalo una professionista con addosso il simbolo della propria fede. Io sto con Marina!”.

Con la giornalista si schiera anche l’ex deputato Daniele Capezzone, che è noto per le sue battaglie coi Radicali per la laicità dello Stato: “+Ultime follie a sinistra+ Sono notoriamente liberale e laico, non sospettabile di derive clericali di alcun tipo. Ma trovo allucinante che a sinistra se la prendano perché la (brava) giornalista Marina #Nalesso indossa il #crocifisso. Solo un talebano (laico) può offendersi”. Qualche settimana fa, Marina Nalesso si era difesa: “Ci hanno inculcato in maniera strisciante che la fede vada vissuta privatamente. Ma questo è un controsenso, se una persona ha fede, è ciò che è in tutto ciò che fa, in ogni gesto, ogni piccola attenzione, ogni sorriso. Non può essere nascosta, nei gesti come nei simboli”.