CONDIVIDI
(Facebook)

Quattro amici napoletani si trovavano in viaggio verso la Spagna ma hanno trovano la morte durante il crollo del Ponte Morandi di Genova.

Quattro amici, originari di Torre del Greco, avevano organizzato un viaggio da fare insieme in macchina la cui meta finale sarebbe dovuta essere BarcellonaAntonio Stanzione, Matteo Bertonati, Gerardo Esposito e Giovanni Battiloro, però, sono passati sul Ponte Morandi di Genova e sono rimasti coinvolti nel crollo dello stesso. Il ponte genovese si è disgregato, infatti, proprio sotto i loro piedi e le loro vite si sono concluse in quel tragico volo di 80 metri.

Leggi anche —> Elisa, morta nel disastro di Genova, il disperato appello degli amici

Torre del Greco piange i quattro amici morti nel crollo del Ponte Morandi di Genova

Torre del Greco è in lutto per i suoi giovani concittadini le cui vite sono state spezzate dal caso e dalla mala gestione delle infrastrutture in Italia. Nella città è stato ipotizzato di fermare, in segno di lutto, gli eventi in programma per la festa dell’Assunta, che ogni anno deliziano cittadini e visitatori, ma il sindaco Giovanni Palomba non si è ancora espresso in tal senso. Giovanni Battiloro, Matteo Bertonati, Antonio Stanzione e Gerardo Esposito erano quattro amici torresi che si erano allontanati da Torre del Greco in cerca di avventura e divertimento alla volta di Barcellona ma che hanno trovato la morte cadendo a Genova da Ponte Morandi per circa 80 metri. Le vittime accertate nel disastro sono ora salite a 39 ed il senso di ingiustizia che la tragedia ha lasciato nel cuore dei genovesi si è sparso a macchia d’olio nell’animo di tutti gli italiani.

Leggi anche —> Crollo ponte Genova, ex portiere del Cagliari: “Volo di 80 metri, ma sono illeso”

Le pagine Facebook dei 4 amici si sono trasformate in raccoglitori di fotografie e pensieri per tutti coloro che vogliano lasciare un ricordo, delle condoglianze o un addio sentito ai giovani. Per le responsabilità che riguardano la caduta del ponte ci sarà modo di appurare chi siano i veri colpevoli ma, ora, è il momento di rimboccarsi le maniche e riflettere, e non solo a Genova.

Marta Colanera