CONDIVIDI
capotreno aggredito
(screenshot video)

Capotreno aggredito in stazione in provincia di Terni: pizzicato sul convoglio senza biglietto, un 50enne reagisce con una testata.

Una giornata da incubo per il capotreno di un convoglio regionale fermo nella stazione di Alviano, in provincia di Terni. Questi è stato infatti colpito da una testata al volto da parte di un passeggero che già in passato sembra avesse creato dei problemi al personale delle Ferrovie dello Stato. Ecco dunque riaffiorare l’allarme e la preoccupazione per le aggressioni nei treni e nei pressi delle stazioni ferroviarie.

Leggi anche –> Milano, la 25enne sfuggita allo stupro in stazione: “Ecco come mi sono salvata”

Aggressione al capotreno: Cosa è accaduto

L’autore dell’aggressione al capotreno sarebbe un uomo di 50 anni, che è stato rintracciato e denunciato a piede libero dai militari dell’Arma dei Carabinieri. Il dipendente delle Ferrovie ha chiesto al passeggero il biglietto, del quale era sprovvisto. Smentita una prima versione dei fatti, secondo la quale l’aggressione sarebbe avvenuta sui binari: sembra infatti che il 50enne fosse già salito sul treno, quando il capotreno gli ha chiesto il titolo di viaggio.

L’aggressore, la cui nazionalità non è stata al momento resa nota, è stato rintracciato dai carabinieri nella zona di Alviano scalo e viene accusato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e lesioni aggravate. Sarebbe un “bibitaro” che in altre occasioni era stato fermato sui treni mentre provava a vendere la sua mercanzia. Stando a quanto si apprende, il capotreno è stato medicato e ha riportato una prognosi di dieci giorni.

Potrebbe anche interessarti –> Furti in treno: le regole per evitarli