CONDIVIDI
Mantova, 14enne muore schiacciato da una panchina girevole di 8 quintali
(Websource)

Tragedia a Mantova, 14enne muore schiacciato da una panchina girevole del peso di 8 quintali.

Un pomeriggio estivo in compagnia degli amici si è trasformato in tragedia per un ragazzino di 14 anni di Castel d’Ario (Mantova). Secondo quanto riportato dai quotidiani locali il giovane si trovava in un giardino pubblico in compagnia di amici quando all’improvviso è stato schiacciato da una panchina girevole di 8 quintali che si è staccata dalla sua base franandogli addosso davanti agli occhi attoniti dei suoi coetanei. Inutili i tentativi di soccorso successivi, il corpo senza vita dell’adolescente è stato portato all’obitorio dell’ospedale Carlo Poma di Mantova dove verrà effettuata l’autopsia, come disposto dall’autorità giudiziaria. L’area in cui si è verificato l’incidente fatale è stata posta sotto sequestro ed è stata avviata un’indagine sulla sicurezza della zona, pare che da tempo alcuni dei residenti avessero manifestato dei dubbi sullo stato di manutenzione del giardino pubblico e della sua relativa sicurezza.

Leggi anche -> Cagliari: sub abusa di una turista 14enne durante un’immersione

Mantova, 14enne schiacciato da una panchina girevole di 8 quintali: la dinamica

Il ragazzino morto nel tragico incidente al giardino pubblico di Castel d’Ario si chiamava Matteo Pedrazzoli ed aveva appena 14 anni. Secondo quanto riferito dai coetanei in quel momento si trovavano in una delle due panchine del giardino pubblico di fronte a queste strutture in ferro con una seduta ed una spalliera che fungono però da arredo urbano e che sono sostenute da un piedistallo. All’improvviso il perno che sorregge la struttura si è staccato e la panchina è finita addosso al 14enne che non ha potuto fare niente per evitarla.

I coetanei hanno provato ad aiutarlo, ma il peso eccessivo della panchina non glielo ha permesso. Quindi hanno chiamato i soccorsi nella speranza che l’amico potesse essere salvato, ma quando gli operatori del 118 sono giunti in zona era troppo tardi e ne hanno dovuto dichiarare il decesso.