CONDIVIDI
Lara
(Screenshot)

Temptation Island, Lara confessa: “In passato ho subito violenze”. 

Lara Rosie Zorzetto è da molti considerata la vera vincitrice di Temptation Island e così gli occhi dei commentatori si stanno concentrando su di lei. Lara ha rilasciato un’intervista nella quale ha rivelato alcune pesanti ombre del suo passato, prima dello sfortunato incontro con l’ex fidanzato Michael De Giorgio, l’uomo col quale è entrata nel reality Mediaset dopo due anni e mezzo di tormentata storia d’amore.

Intervistata dal settimanale Uomini e Donne Magazine ha spiegato il motivo per cui è entrata a Temptation Island: “Ho deciso di mettermi in gioco per la prima volta nella mia vita. Ho voluto trovare le risposte a quelle domande che mi sono sempre fatta, rivolte a me e alla persona che avevo al mio fianco. In passato ero diversa, avevo paura… paura di buttarmi nelle cose: ora non ho più. Prima di entrare nel programma avevo una certezza: ero sicura che sarei uscita con lui. Pensavo che Micheal, messo alla prova, mi avrebbe dimostrato il suo amore. È stato tutto il contrario. Il destino ha in serbo qualche cosa di diverso sia per me che per lui. Oggi, dopo aver versato tante lacrime, credo di meritarmi un po’ di felicità, quella che sono sempre andata a cercare. Credo che anche lui se la meriti. A volte bisogna allungare una mano ed è giusto, nonostante tutto, che anche lui trovi una persona che lo sappia amare per ciò che è”.

Leggi anche –> Lara e Michael, ultima puntata Temptation Island 2018: come è finito il falò di confronto

E poi ha rivelato ciò che ancora oggi la tormenta dal suo passato: “Prima di Mike ho vissuto esperienze non piacevoli. Sono cresciuta all’improvviso. Il mio è un bagaglio pieno di lacrime. A scuola mi hanno ferita facendomi sentire sbagliata sia nell’aspetto sia nel pensiero. Sono stata vittima di bullismo e molto altro. Mike ha peggiorato queste mie insicurezze non facendomi sentire mai abbastanza per lui. C’era sempre qualcosa che io facevo in maniera sbagliata. Molti miei gesti o sforzi non ricevevano il rispetto e la considerazione che avrebbero meritato. Mi nascondevo dietro un paio d’occhiali o a un vestito semplice per non essere notata. Avrei voluto avere a fianco un uomo che mi dicesse semplicemente che stavo bene così com’ero”.