CONDIVIDI
(Websource)

Secondo un sondaggio il Pd sta avendo un calo dei consensi mentre Salvini è in ascesa grazie ad alcune decisioni politiche che sono state molto apprezzate.

Il sondaggio realizzato dall’Istituto Piepoli ha lasciato emergere uno spaccato del consenso politico in Italia. Secondo i sondaggi mentre il PD subìsce un forte calo dei consensi, il Ministro dell’Interno Matteo Salvini decolla grazie ad alcune decisioni politiche che sono state particolarmente apprezzate dagli elettori.

Leggi anche —> Grillo chiama Salvini: “C’è un nero in spiaggia che si mischia con noi, fai subito qualcosa” – VIDEO

Il PD è alle corde e Matteo Salvini sempre più amato dagli elettori: ecco il perché

Secondo il sondaggio realizzato dall’Istituto Pepoli il Partito democratico, guidato dal segretario Matteo Renzi, si troverebbe a dover contrastare una crisi del consenso che diventa via via che il tempo passa sempre più importante. La positività espressa nei confronti del nuovo governo, che si attestava al 50-52% al momento dell’insediamento, invece, a distanza di due mesi registra una maggiore fiducia da parte dell’elettorato, fra il 58 ed il 60%.

Leggi anche —> Berlusconi avvisa Salvini: “Se non si allontanano dai 5 stelle perderanno voti”

La crescita del consenso verso il governo Conte è dovuta, principalmente, al Ministro dell’Interno Matteo Salvini che, nonostante abbia attirato su di sè moltissime polemiche, sembra aver rispecchiato gli intenti proclamati ai suoi elettori. Il ministro, inoltre, si è trovato, anche grazie alle problematiche emerse durante questi due mesi di giovane governo, in una posizione di forza ed è stato trainante nelle decisioni più spinose. Nonostante anche Luigi Di Maio sia ben visto dall’elettorato di riferimento, il consenso in questo momento è fortemente orientato a Salvini per come il ministro ha affrontato il problema dell’immigrazione clandestina e l’emergenza sbarchi. Lega e Movimento 5 Stelle sono a pari merito, per quanto riguarda il consenso, secondo il sondaggio portando, insieme, alla maggioranza e, dunque, ad un governo che rispecchierebbe le aspettative dell’elettorato.

Marta Colanera