CONDIVIDI
Si siede accanto a due 16enni sul bus, abusa di una e picchia l'altra
(Twitter)

La polizia metropolitana è alla ricerca di un ragazzo di 20 anni reo di aver abusato di una sedicenne sull’autobus e di avere picchiato e minacciato l’amica.

Scene di follia su un bus partito da Penge e diretto a Crystal Palace, a Londra. In un pomeriggio estivo come tanti altri, in cui il bus cittadino è svuotato dalla solita folla di lavoratori e cittadini in transito per le vie cittadine, un ragazzo di 20 anni ha dato il via libera ai suoi più bassi istinti. Tutto è cominciato quando il giovane, capello rasato, occhi castani, alto 1,95, con un paio di cuffie alle orecchie, vestito con una tuta grigia ed un paio di scarpe da tennis bianche si è seduto sul bus accanto a due ragazze minorenni.

Vista la quantità di posti liberi era facile immaginare che cercasse di intrattenere un discorso con loro, ma presto quello che poteva sembrare un tentativo di socializzare è diventato un inquietante approccio sessuale: il ragazzo ha cominciato a fare apprezzamenti fuori luogo, suscitando un moto di disgusto nelle due giovani che hanno cercato di andarsene. A quel punto il ragazzo ha trattenuto violentemente una delle ragazze intimandole di non muoversi, quindi si è avventato sull’altra e ne ha abusato.

Leggi anche -> Milano, la 25enne sfuggita allo stupro in stazione: “Ecco come mi sono salvata”

L’aggressore scende dal bus, le ragazze denunciano l’accaduto

Conclusa la sua depravata azione, il giovane è sceso dal bus ed ha fatto perdere le proprie tracce, le due giovani invece hanno denunciato l’accaduto alle autorità che, come primo atto investigativo hanno esaminato le telecamere interne al bus per avere modo di identificare l’aggressore. Quindi hanno descritto l’accaduto sulla pagina ufficiale della Metropolitan Police di Londra, chiedendo a chiunque fosse in possesso di informazioni sul ragazzo di chiamare al centralino e condividerle con gli investigatori. In attesa che le indagini diano i frutti sperati, la notizia lascia sgomenti, arrabbiati e sconsolati per  un fatto di cronaca talmente aberrante da superare qualsiasi opera di fantasia.