CONDIVIDI
Partorisce in auto e mette il neonato dentro una busta: arrestata per omicidio
(Websource)

Una donna americana ha partorito dentro la sua auto, quindi ha chiuso il figlio appena nato e lo ha lasciato su un tappetino a morire.

La storia di Brennan Hailey Geller, 21enne di Lexington (Carolina del Sud), mette i brividi: la giovane, infatti, ha nascosto la sua gravidanza a tutti e quando ha avuto le doglie si è chiusa in auto per partorire lontano da occhi indiscreti, quindi ha abbandonato il figlio appena nato sul tappetino dell’auto ed è andata a lavoro. A trovare il corpo del bambino è stata la polizia che in seguito al ritrovamento ha arrestato Brennan con l’accusa di omicidio volontario.

Leggi anche -> Terni, neonato abbandonato e morto, la madre: “Speravo lo trovassero vivo”

Abbandona il figlio dentro una busta: il parto e la denuncia dell’ospedale

La ragazza, dipendente di una palestra, era riuscita attraverso l’esercizio fisico a contenere la crescita del grembo e nascondere la gravidanza a tutti, quindi quando ha capito che il bambino stava per nascere ha pensato di non presentarsi in ospedale (dove, va ricordato, poteva lasciare in affidamento il figlio anonimamente) e partorire all’interno dell’auto per poi sbarazzarsi del corpo. Sicura che il suo piano crudele fosse andato a buon fine, come nulla fosse Brennan si è recata in palestra ed ha lavorato.

Il giorno successivo, però, la ragazza ha accusato alcuni dolori legati al parto e si è recata in ospedale per una visita. Dalle analisi è risultato chiaro ai medici che avesse appena partorito, quindi questi le hanno chiesto se avesse avuto una gravidanza da poco, ma lei ha negato di avere figli. La vicenda ha allertato i medici che hanno segnalato il possibile abbandono alla polizia. Gli agenti hanno quindi controllato la casa e l’auto di Brenna scoprendo il bambino dentro la busta ormai privo di vita. Immediato l’arresto della giovane donna che adesso rischia una pena di 20 anni per omicidio volontario.

Leggi anche -> Brescia, neonato abbandonato dai genitori nel passeggino in centro