CONDIVIDI
Mangia cristalli di droga, bimbo di 8 anni muore davanti agli occhi del padre
(Websource)

Un bambino di 8 anni ha trovato i cristalli di droga del padre e credendo che fossero cereali li ha mangiati con il latte. Il piccolo è morto di overdose davanti agli occhi del padre.

A Jackson, nell’Indiana (Stati Uniti), il piccolo Curtis Collman III (8 anni) si è alzato dal letto ed è andato in cucina per fare colazione. Sul tavolo da pranzo ha trovato un piatto pieno di metanfetamina appartenente al padre che l’uomo aveva lasciato la sera prima. Credendo che si trattasse di cereali, il bambino si è fatto una ciotola di latte ed ha ingerito un quantitativo di droga letale, circa 180 volte superiore alla dose letale per un uomo adulto.

Leggi anche -> Mamma accusata dell’omicidio del figlio neonato, tracce di droga nel latte materno

Mangia cristalli di droga al posto dei cereali, il padre non chiama i soccorsi per paura di essere arrestato

Avendo ingerito quell’enorme quantitativo di droga il piccolo è andato immediatamente in overdose, cadendo a terra in preda a violentissime convulsioni. Il padre, Curtis Collman II, si è accorto di quanto successo poco dopo, ma invece di chiamare l’ambulanza, in un primo momento è rimasto senza fare nulla per paura che la polizia lo arrestasse. La sua esitazione è stata fatale al piccolo che, tra atroci sofferenze, è morto poche ore dopo in ospedale.

A casa con loro c’era un amico del padre che, vedendo il bambino in preda alle convulsioni, ha convinto Curtis II a vincere la paura e ad andare in ospedale per salvare la vita al bambino. Il tentativo di salvare il piccolo, però, è stato tardivo e poche ore dopo essere arrivati al pronto soccorso è morto. Il padre è stato ovviamente arrestato per negligenza ed omicidio colposo, su di lui pendono anche accuse per possesso illegale di sostanze stupefacenti e armi. Secondo quanto emerge dai media locali, inoltre, l’uomo era già stato in carcere ed in passato era stato segnalato un paio di volte come molestatore sessuale.