CONDIVIDI
bambino
Getta bambino dalla finestra, viene arrestato e condannato all’ergastolo

Il 31enne Sean Ziemelis prova ad uccidere un bambino di 7 mesi e la madre scagliandoli da una finestra. Entrambi si salvano, per lui c’è l’ergastolo.

Un uomo ha gettato un bambino di appena sette mesi di età da un palazzo. Il maniaco ha già un nome ed un cognome: le autorità di Londra, dove è avvenuto il tragico fatto di cronaca, hanno affermato che Sean Ziemelis ha lanciato il piccolo dal secondo piano, non prima di aver provato a strangolarlo ed a strappargli gli occhi. Il mostro è stato ben presto catturato e ha subito un processo per direttissima subito culminato con la sua condanna al carcere a vita. Ad accorgersi di quanto stava succedendo sono stati alcuni vicini di casa. Le urla del bambino e del pazzo li hanno svegliati. E non c’era alcun dubbio sul fatto che stesse avvenendo qualcosa di davvero grave. Diverse altre persone si sono radunate sotto la casa di Ziemelis chiedendogli di finirla subito.

Bambino gettato di sotto, viene salvato da un passante in strada

Lui per tutta risposta ha messo fuori dalla finestra il bambino tenendolo penzoloni per alcuni secondi. Poi il piccino è precipitato di sotto, ma il pronto intervento di una delle persone presenti in strada ha fatto si che la caduta venisse attutita il giusto per non risultare fatale. Il bambino alla fine si è salvato, riportando solamente alcune ferite superficiali di non grave entità. Ziemelis si è scagliato come una furia anche contro la madre del piccolo. Pure lei è stata spinta di sotto, ma la caduta su dei cassonetti della spazzatura anche per lei ha fatto si che non ci siano state conseguenze più gravi. Il 31enne Ziemelis ha poi riconosciuto le proprie responsabilità in aula di tribunale, ritenendosi colpevole dei reati di tentato omicidio, aggressione e danni fisici procurati. Soddisfazione è stata espressa dalle forze dell’ordine di Londra. “Quest’uomo era un individuo pericoloso e la sua condanna all’ergastolo alla fine è un bene per tutta la comunità”. Un altro dramma è invece avvenuto dalle nostre parti, sui monti della Garfagnana.