CONDIVIDI
(Websource)

Un nuovo dramma ha sconvolto Venezia: un uomo è morto ed il bilancio delle vittime della Laguna arriva a 3 in sole 24 ore.

Un 76enne è deceduto dopo essere caduto in acqua tra le località di Valle Averto di Campagna di Lupia e di Giara in un incidente nautico verificatosi nella laguna sud di Venezia. L’uomo è rimasto vittima dell’incidente nautico che ha coinvolto altre 4 persone le quali, fortunatamente, sono rimaste ferite solo in modo lieve. L’incidente è accaduto a neanche 24 ore di distanza dallo schianto avvenuto, durante la notte nei pressi del Lido, fra un barchino di perscatori ed un motoscafo che aveva già provocato 2 morti e 4 feriti. Alla base dell’incidente che ha portato l’uomo di 76 anni a perdere la vita è stata ipotizzata la spinta di un’onda che ha causato il rovesciamento della piccola imbarcazione ma le Forze dell’Ordine sono all’opera per stabilirne con certezza le cause.

Leggi anche —> Venezia, terribile schianto tra un motoscafo e una barca di pescatori: 2 morti

Venezia, il 76enne è caduto in acqua ed ha perso la vita: terza vittima della Laguna in 24 ore

Un anziano di 76 anni si trovava su di una piccola imbarcazione nella laguna veneziana, tra Giare di Mira e Valle Averto di Campagna Lupia, quando questa si è rovesciata, per cause che sono ancora in fase di accertamento, portandolo alla morte. Assieme all’uomo sono rimaste ferite nell’incidente nautico anche altre 4 persone che, però, non sono risultano essere in gravi condizioni di salute. I feriti si sono salvati, infatti, grazie al primario intervento di recupero ad opera di altre imbarcazioni di deportisti che si trovavano sul luogo e che li hanno accolti a bordo. Per l’anziano, però, non è stato possibile usufruire di questa possibilità e, nonostante si siano precipitati sul luogo del rovesciamento i medici del Suem 118, questi non hanno potuto che constatarne il decesso. Il rovesciamento dell’imbarcazione è avvenuto in un’area estremamente turistica, sede dell’oasi naturalistica del Wwf, e questo elemento, probabilmente, ha permesso agli altri feriti di essere tratti in salvo in tempi tanto rapidi. Sono intervenuti sul posto, e sono tutt’ora a lavoro per stabilire le cause che hanno portato all’incidente nautico, i Vigili del fuoco, la squadra di sommozzatori di Venezia ed altre Forze dell’Ordine, i quali si occuperanno di fare chiarezza sulla vicenda per cercare di evitare che accadano di nuovo in futuro casi simili nella laguna.

Marta Colanera