CONDIVIDI
(Websource)

Una donna incinta è entrata da McDonald’s ed ha ordinato un caffè latte ma le è stato servito del detersivo.

Madre di 2 figli ed incinta all’ottavo mese, Sara Douglas è entrata in un McDonald’s per ordinare un caffè latte. La donna stava accompagnando uno dei suoi figli ad un torneo di Baseball e si era ritagliata un momento di relax sedendosi ad un tavolino della catena di fast food di McDonald’s. Al primo sorso, però, si è resa conto che la bevanda servitale nel bicchiere ufficiale non era un caffè latte ma del detersivo.

Leggi anche —> neonata muore nel letto della madre, mistero sulla dinamica

Sara Douglas, incinta all’ottavo mese, aveva ordinato un caffè latte e le è stato portato del detersivo

La donna incinta, che vive in Canada, era entrata nella nota catena McDonald’s per gustare un caffè latte ma si è ritrovata a bere del detersivo. Al primo sorso, fortunatamente, Sara Douglas si è resa conto di avere fra le mani un bicchiere di detersivo: ”Ho sentito la mia bocca in fiamme. Ho cercato immediatamente di sciacquarmi più volte la bocca con dell’acqua”, ha raccontato la gestante. Immediatamente un dipendente le ha chiesto se volesse un’altra tazza della bevanda ma la donna alle 32esima settimana di gravidanza ha rifiutato categoricamente. Successivamente sono arrivate spiegazione e scuse che la donna ha deciso di raccontare. Secondo il dipendente l’errore sarebbe dovuto al fatto che il tubo per il detersivo sia stato erroneamente collegato alla macchina per il caffè: “Un errore che si è già verificato in passato”. Il direttore del McDonald’s canadese si è, quindi, avvicinato alla donna e le ha fatto delle scuse pubbliche cui sono, successivamente, seguite le scuse ufficiali: “Siamo consapevoli che ci siano stati altri incidenti isolati di questa natura ma per noi anche un incidente è troppo. Nonostante le macchine per il caffè e le loro procedure di utilizzo rientrino fra i più alti standard del settore, abbiamo immediatamente rafforzato procedure di pulizia appropriate per tutti i ristoranti McDonald’s”, ha affermato Kristen Hunter, portavoce di McDonald’s.

Leggi anche —> Mc Donald’s, bambino di 10 anni muore per reazione allergica

Sarah Douglas, nel frattempo, si è subito recata dal proprio ginecoloco per un controllare che l’errore di McDonald’s non avesse danneggiato in qualche modo il suo bambino ma questi l’ha rassicurata dicendole che non c’è stata alcuna ripercussione negativa sul piccolo.

Marta Colanera