CONDIVIDI
rick genest
(Astrid Stawiarz/Getty Images)

Gravissimo lutto per Lady Gaga, la cantante devastata dal dolore: morto suicida Rick Genest, the Zombie Boy, suo amico e modello famoso.

Rick Genest, il modello noto come Zombie Boy, il cui corpo pesantemente tatuato lo ha reso una musa per Lady Gaga, Marc Quinn e numerosi stilisti, è morto a 32 anni. È stato trovato morto nella sua casa di Montreal, e la sua morte è stata segnalata come suicidio.

Leggi anche –> Capodanno 2012 a New York: il VIDEO con Lady Gaga

Dolore per la morte di Rick Genest, modello di fama mondiale

Lady Gaga ha scritto su Twitter: “Il suicidio dell’amico Rick Genest, Zombie Boy, è oltre ogni limite devastante. Dobbiamo lavorare di più per cambiare la cultura, portare la salute mentale in primo piano e cancellare una piaga di cui non possiamo parlare. Se stai soffrendo, chiama oggi un amico o una famiglia. Dobbiamo salvarci l’un l’altro”. La cantante aveva scelto Genest nel suo video per il singolo Born This Way del 2011. Lo stilista di Lady Gaga, Nicola Formichetti, che ha usato Rick Genest come modello quando è stato direttore creativo di Thierry Mugler, ha dichiarato di essere “assolutamente straziato”. La società che gestiva l’immagine di Genest, Dulcedo, ha dichiarato di essere “scioccata e addolorata da questa tragedia”.

Genest è cresciuto nella scena punk di Montreal e ha iniziato a  tatuarsi a 19 anni, molti sono del tatuatore Frank Lewis. Alla fine hanno ricoperto tutto il suo corpo, il più accattivante un teschio tatuato sul viso e un cervello apparentemente esposto sul suo cuoio capelluto. Rick Genest ha fatto da modello per il marchio di moda di Jay-Z Rocawear ed è apparso nel film di samurai 47 Ronin di Keanu Reeves. L’acclamato scultore britannico Marc Quinn ha creato una scultura di Genest nel 2011. Rick Genest ha spiegato la sua apparizione fantasmagorica alla rivista Wonderland nel 2012: “Il concetto di zombi viene anche spesso usato come metafora del consumismo sfrenato. Ribellarsi a questa nozione è il vero significato del punk”. Quindi aveva concluso: “Gli zombi, per molti, rappresentano una pervasiva xenofobia. Come nella mia vita, sono stato spesso escluso, odiato o frainteso”.

Potrebbe anche interessarti –> VIP in vacanza: ecco le città italiane dove trovarli