CONDIVIDI
Gratta e Vinci con la scritta "nuoce gravemente alla salute", ecco perché
(Websource)

Se il decreto Dignità passerà anche al Senato sui Gratta e Vinci verrà applicata la scritta “Nuoce gravemente alla salute” come sulle sigarette per combattere la dipendenza dal gioco d’azzardo.

Con 312 sì, 190 no ed un astenuto la Camera dei Deputati ha approvato il testo del decreto dignità fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle. Si tratta di una misura tesa a contrastare il precariato in cui ci sono anche delle misure per contrastare il gioco d’azzardo. Nel testo, infatti, oltre al divieto di pubblicizzare centri scommesse e giochi ad estrazione è presente anche l’obbligo di inserire sopra ai Gratta e Vinci la scritta “Nuoce gravemente alla salute“, una scritta che dovrà coprire almeno il 20% della superficie dei tagliandi da ambo i lati. Si tratta di un emendamento del PD legato al decreto dignità votato dalla Camera con maggioranza schiacciante (445 sì, 59 contrari e 10 astenuti) a cui ha detto un no secco solo Forza Italia. La speranza è che la misura permetta un calo della dipendenza dal gioco d’azzardo che in Italia, nel caso dei Gratta e Vinci, colpisce sopratutto gli anziani.

Leggi anche -> Decreto Dignità, via libera dal Consiglio dei Ministri: ecco tutte le misure prese

Il decreto dignità passa alla Camera, la soddisfazione del governo

L’approvazione del decreto è stata salutata con soddisfazione da Luigi Di Maio che all’uscita dalla Camera è stato festeggiato dai suoi ed ha detto loro: “Abbiamo vinto il primo round, ce l’abbiamo fatta, e senza la fiducia”, quindi li ha esortati a non adagiarsi poiché c’è ancora il voto al Senato: “Ora c’è il Senato, lì i tempi sono più ridotti”. Molto soddisfatto è apparso anche il premier Giuseppe Conte che intervistato dopo la votazione ha dichiarato: “Approvato il decreto dignità alla Camera, un primo importante passo in avanti per la lotta al precariato, il contrasto all’azzardo e la semplificazione fiscale. Orgoglioso di guidare un governo che lavora davvero per questo Paese”.

Leggi anche -> Decreto dignità, Di Maio affonda il calcio italiano