CONDIVIDI
(Websource)

Giovanni Gallavotti è il primo italiano a vincere il Premio Poincarè, equiparabile al premio Nobel per la fisica e la matematica, per i suoi “eccezionali contributi”.

Il professore emerito Giovanni Galavotti è il primo italiano ad essersi aggiudicato il Premio Poincarè, prestigioso riconoscimento equiparabile, in termini di importanza, al Nobel per la fisica e la matematica, grazie ai fondamentali contributi apportati ad entrambe le discipline. Fautore di grandi modificazioni nelle due materie di studio e di vita, Giovanni Galavotti è entrato nella storia ed ha dichiarato di essere molto felice per il premio che considera “un premio alla carriera”.

Leggi anche —> Chi è Alessandro Figalli, vincitore della Medaglia Fields, il premio ‘Nobel’ della matematica

Giovanni Gallavotti, primo italiano a vincere il Premio Poincarè, premio equivalente al Nobel

Il vincitore del Premio Poincarè Giovanni Gallavotti ha iniziato la sua carriera accademica giovanissimo, a cavallo fra il 1965 ed 1966 a soli 25 anni, come professore incaricato alla docenza dei corsi universitari di Fisica dei Neuroni e di Fisica Generale nell’Università di Firenze. La sua carriera, successivamente, lo ha portato a viaggiare per l’Italia e l’America per ricoprire ruoli sempre più di prestigio all’interno dell’ambito universitario ma non sono certamente le sue qualifiche professionali quelle che gli hanno permesso di vincere l’ambito Premio Poincarè. Il docente, infatti, prima ancora di essere un insegnante è stato un visionario ed un uomo che si è distinto per la sua capacità di innovare e di guardare oltre quelli che erano i limiti invalicati delle sue due materie di interesse. Il suo spirito di ricercatore libero dall’idea che la matematica e la fisica fossero già due mondi totalmente esplorati, ha permesso a Giovanni Gallavotti di crescere professionalmente ma, soprattutto, di operare una rivoluzione sulle sue due materie di insegnamento. Gli “eccezionali contributi” che il ricercatore ha dato nei suoi anni di studio appassionato hanno riguardato la fisica computazionale, la teoria ergodica, la teoria dei sistemi dinamici, la teoria quantistica dei campi, la meccanica statistica, la fluidodinamica, la meccanica classica ed i sistemi caotici. All’età di 77 anni il napoletano e professore emerito Gallavotti si trova, ancora una volta, ad essere fautore di novità essendo il primo italiano a vincere il Premio Poincarrè che, come da lui stesso affermato, considera “un premio alla carriera”.

Marta Colanera