CONDIVIDI
crollo solaio scuola eboli
(foto Vigili del fuoco)

Un tir che stava trasportando frutta ha preso fuoco sull’autostrada A1 Milano-Napoli che è stata chiusa nel tratto tra Orte e Orvieto.

Alle 15:30 circa di oggi un mezzo pesante adibito al trasporto di frutta ha improvvisamente iniziato a prendere fuoco mentre si trovava sull’autostrada A1 Milano-Napoli, in direzione Firenze. Il tir ha preso fuoco nel tratto stradale compreso tra Orte e Orvieto, al chilometro 456 dell’A1 causando, fortunatamente, nessuna vittima ma chilometri di code a causa della chiusura del tratto interessato dall’incendio.

Leggi anche —> Incidente devastante fra auto e minivan: 5 morti e 5 persone in fin di vita

Il tir ha preso fuoco portando alla chiusura del tratto Orte-Orvieto dell’A1 Milano-Napoli

L’emergenza causata dal mezzo pesante andato in fiamme alle 15.30 circa ha richiesto l’intervento dei vigili del fuoco e delle pattuglie della Stradale che hanno cercato di limitare la portata dei danni, all’autostrada ma, soprattutto, umani. Per pura fortuna, infatti, l’incendio si è propagato senza provocare nè vittime nè feriti ed anche il conducente stesso del tir risulta sia rimasto illeso nell’incidente. Il personale della Direzione 5° Tronco di Fiano Romano, intervenuto assieme a vigili e Stradale, ha contribuito a dirottare gli autoveicoli verso la corsia di marcia e la corsia di emergenza ma, nonostante questo, si sono create code per circa 3 km in direzione di Roma.

Leggi anche —> Roma, terribile incidente sulla via del mare: muore un 49enne, grave una donna

Anche in direzione Firenze si sono formate code importanti, per almeno 4 km, e la situazione per gli automobilisti al momento appare, putroppo, estremamente stabile. L’uscita, a causa dell’incidente, risulta obbligatoria verso Orte e, per proseguire il proprio percorso, i viaggiatori sono costretti a dirigersi verso la strada statale 675 in direzione Terni per poi tornare sulla E45 e seguire nuovamente le indicazioni per Orvieto sino a rientrare sull’autostrada A1.

Marta Colanera